13 Giugno 2024 - 05:56

Garavaglia (Lega): “Nella regolamentazione del settore giochi servirà equilibrio”

“Nell’ambito del gioco, la parola chiave è equilibrio, se è vero che 10 mln di italiani giocano e che effettivamente esiste la ludopatia allora dobbiamo trovare una soluzione. Il proibizionismo

15 Maggio 2024

Print Friendly, PDF & Email

“Nell’ambito del gioco, la parola chiave è equilibrio, se è vero che 10 mln di italiani giocano e che effettivamente esiste la ludopatia allora dobbiamo trovare una soluzione. Il proibizionismo non funziona, ma va individuato un equilibrio tra legale e illegale, servono delle regole perché le entrate dal gioco servono allo Stato. Allo stesso tempo vanno trovate norme per tutelare il mercato, serve concorrenza e competizione senza vendere il settore all’estero.

Lo stesso discorso vale affrontando i vari comparti del mercato, i vari giochi, tra online e gioco fisico.

Affronteremo nel prossimo decreto il tema del riordino del gioco fisico. Come rappresentante delle Regioni, in passato abbiamo lavorato alla questione senza tuttavia arrivare a risultato. Questo però ci permette di avere una base di lavoro. Una chiave per risolvere il problema secondo il mio parere sarà quella di coinvolgere gli enti locali al gettito del gioco. Gli enti locali tuttavia dovranno esser liberi di assumere posizioni più dure rinunciando quindi al gettito”.

Lo ha dichiarato il presidente della Comm. Finanze del Senato, Massimo Garavaglia partecipando alla presentazione del libro di Geronimo Cardia dal titolo: “Il gioco pubblico in Italia: riordino, questione territoriale e cortocircuiti istituzionali”, oggi al Senato.

PressGiochi

Gioco legale: in Senato presentazione del libro di Geronimo Cardia, “Il gioco pubblico in italia: riordino questione territoriale e cortocircuiti istituzionali”

L’avv. Cardia presenta al Senato il libro dal titolo: “Il gioco pubblico in Italia: riordino, questione territoriale e cortocircuiti istituzionali”

Cangianelli (EGP-Fipe): “La riforma del settore sia realizzata considerando i numeri del mercato”

Parlati (SGI): “Coinvolgere il settore nel processo di riordino”

Lollobrigida (ADM): “Superare il distanziometro sui giochi per come è concepito oggi”

Distante (Sapar): “Lo Stato tuteli le PMI italiane del gioco”

Miele (Corte dei Conti): “Il comparto del gioco è uno dei punti fermi della nostra economia”

De Bertoldi (Fdi): “Coinvolgere enti locali nel gettito del gioco ed evitare di emarginare l’offerta”

Garavaglia: “Nella regolamentazione del settore giochi servirà equilibrio”