16 Luglio 2024 - 22:38

On. Ciocchetti: “L’autoesclusione estesa al gioco fisico è una misura essenziale contro il disturbo da gioco”

“Dopo il rilevante studio presentato l’8 giugno 2023, il nuovo approfondimento sull’autoesclusione nel gioco fisico rappresenta un ulteriore passo avanti nel delineare strategie efficaci per la prevenzione del gioco patologico.

10 Luglio 2024

Print Friendly, PDF & Email

“Dopo il rilevante studio presentato l’8 giugno 2023, il nuovo approfondimento sull’autoesclusione nel gioco fisico rappresenta un ulteriore passo avanti nel delineare strategie efficaci per la prevenzione del gioco patologico.

L’introduzione di un Registro Unico delle Esclusioni (R.U.E.) esteso a tutte le tipologie di gioco, così come analizzato nella ricerca “Per il settore del gioco pubblico in Italia: l’autoesclusione nel gioco fisico”, è una misura di fondamentale importanza” ha affermato l‘on. Luciano Ciocchetti, Vice Presidente XII Commissione Affari Sociali e Sanità, inviando un intervento in occasione della presentazione della ricerca sul Registro delle Autoesclusioni dell’Università Tor Vergata.

“La vostra analisi dettagliata delle modalità operative e delle tecnologie per l’attuazione di questa strategia testimonia l’impegno verso la protezione dei giocatori a rischio e il miglioramento delle pratiche di gioco consapevoli.

Apprezzo profondamente l’approccio metodologico adottato, che ha esaminato con cura il “customer journey” e ha proposto soluzioni innovative per il monitoraggio e la gestione dei dati personali in tempo reale. Questi aspetti sono cruciali per garantire un ambiente di gioco più sicuro e responsabile.

Il rafforzamento dei meccanismi di autoesclusione, già sperimentati con successo nel gioco a distanza, estesi ora al gioco fisico, è una misura essenziale per affrontare efficacemente i fenomeni di disturbo da gioco. I risultati positivi ottenuti nel settore del gioco online rafforzano la necessità di estendere tali misure anche al gioco fisico.

In sintesi, lo studio propone un quadro normativo-regolatorio solido che non solo promuove pratiche di gioco consapevoli, ma contribuisce significativamente al benessere della comunità. La creazione del Registro Unico degli Esclusi (R.U.E.) rappresenta un passo decisivo per una prevenzione efficace del gioco patologico in Italia” ha concluso.

 

PressGiochi

×