28 Gennaio 2021 - 06:57

Ruffini (Dir. ADE): “Incentivare l’uso di pagamenti elettronici anche con la lotteria degli scontrini”

Dal 1° gennaio 2021, registri, liquidazioni periodiche e dichiarazione annuale Iva precompilati. È quanto ha anticipato il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, nel corso dell’audizione informale, in video-conferenza, di

25 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Dal 1° gennaio 2021, registri, liquidazioni periodiche e dichiarazione annuale Iva precompilati. È quanto ha anticipato il direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, nel corso dell’audizione informale, in video-conferenza, di questo pomeriggio, davanti alla VI Commissione Finanze della Camera dei deputati, nell’ambito della discussione congiunta di due risoluzioni riguardanti, rispettivamente, la tracciabilità elettronica dei pagamenti e la semplificazione dei relativi adempimenti, anche al fine di contrastare l’evasione fiscale.

Il direttore ha innanzitutto descritto le molteplici misure messe in campo con lo scopo di incentivare, soprattutto nei settori in cui l’uso del contante è ancora molto diffuso, l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronici secondo il piano “Italia Cashless”, tra questi, la lotteria degli scontrini, la riduzione del limite massimo di utilizzo del contante, l’introduzione del credito d’imposta del 30% sulle commissioni addebitate ai commercianti e ai professionisti per le transazioni effettuate con moneta elettronica, a condizione che i ricavi o i compensi dell’anno precedente siano inferiori a 400mila euro, la possibilità di usufruire delle detrazioni Irpef per le spese effettuate attraverso strumenti di pagamento tracciabili, il meccanismo del cashback, che prevede un rimborso del 10% per gli acquisti effettuati fisicamente negli esercizi commerciali tramite pagamenti tracciabili da parte di soggetti maggiorenni, residenti, fuori dall’attività di impresa, arte o professione. Ruffini ha ricordato i diversi vantaggi che derivano dall’impiego degli strumenti elettronici di pagamento per i consumatori, che potrebbero optare per modalità di pagamento più rapide e sicure, per gli esercenti, per i quali la “gestione” del denaro contante è onerosa e rischiosa e per lo Stato, come stimolo all’emersione di base imponibile e di contrasto all’evasione fiscale e, quindi, di rilancio dell’economia. “L’abbandono progressivo del contante” ha evidenziato Ruffini “con la conseguente emersione dell’economia sommersa e la riduzione del tax gap, rappresenta oggi la premessa per la modernizzazione del Paese, ma anche uno stimolo all’innovazione e all’economia digitale. Si tratta di porre le basi per una nuova cultura fiscale”.

 

 

PressGiochi

Fonte immagine: https://it.wikipedia.org/wiki/Ernesto_Maria_Ruffini