26 Ottobre 2020 - 23:28

Danimarca. Le entrate del gioco d’azzardo calano del 19,2% nel primo semestre

La Danish Gaming Authority, Spillemyndigheden, ha pubblicato i risultati del primo semestre che mostrano un forte calo delle entrate del gioco d’azzardo a causa dell’impatto della pandemia sui verticali di scommesse sportive.

25 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Danish Gaming Authority, Spillemyndigheden, ha pubblicato i risultati del primo semestre che mostrano un forte calo delle entrate del gioco d’azzardo a causa dell’impatto della pandemia sui verticali di scommesse sportive. I ricavi totali del mercato regolamentato per i sei mesi terminati il ​​30 giugno sono diminuiti del 19,2% su base annua a 2,70 miliardi di DKK (362,6 milioni di euro). I ricavi per il solo secondo trimestre sono scesi del 32,8% a 1,16 miliardi di DKK. Il business dei casinò tradizionali e delle macchine da gioco di Danske Spil ha registrato il calo maggiore. Le entrate dei casinò si sono più che dimezzate nel primo semestre, scendendo a 82 milioni di DKK, mentre le entrate delle macchine da gioco sono andate leggermente meglio, scendendo del 46,6% a 382 milioni di DKK. I ricavi delle scommesse sportive sono diminuiti del 19,6% a 1,01 miliardi di DKK a causa della sospensione degli eventi sportivi. L’unico verticale che ha evitato interruzioni è stato il gioco dei casinò online, che è cresciuto del 2,8% a 1,23 miliardi di DKK per il primo semestre. I casinò online hanno contribuito alla quota maggiore di entrate nel secondo trimestre, crescendo del 6,2% rispetto al secondo trimestre del 2019, ma il tasso di crescita segna effettivamente un rallentamento rispetto alla crescita registrata nei due anni precedenti. Spillemyndigheden ha promosso significativamente il programma nazionale di autoesclusione Register Over Frivilligt Udelukkede Spillere (Rofus) e alla linea di assistenza StopSpillet, soprattutto all’inizio della pandemia, affermando che 23.469 persone avevano utilizzato Rofus alla fine del primo semestre, con il 68,1% che si escludeva permanentemente dal gioco d’azzardo.

PressGiochi