15 ottobre 2019
ore 01:28
Home Estero Codere: il tribunale USA autorizza il ‘discovery’ nella causa tra i fondi di investimento e i Martínez Sampedro

Codere: il tribunale USA autorizza il ‘discovery’ nella causa tra i fondi di investimento e i Martínez Sampedro

SHARE
Codere: il tribunale USA autorizza il ‘discovery’ nella causa tra i fondi di investimento e i Martínez Sampedro

Un tribunale degli Stati Uniti, e precisamente il Distretto del Connecticut, ha autorizzato l’uso del ‘discovery’ in relazione all’arbitrato portato da José Antonio Martínez Sampedro e Luis Javier Martínez Sampedro, consiglieri Codere, nei confronti della società davanti alla Camera di Commercio Internazionale per aver violato vari aspetti dell’Accordo degli azionisti.

 

Il 20 aprile 2018, Luis Javier Martínez Sampedro ha presentato istanza di permesso di condurre l’uso del discovery in relazione ai procedimenti legali pendenti presso il Tribunale Commerciale n ° 4 a Madrid e collegato alla causa aperta di fronte alla Camera di Commercio Internazionale contro vari azionisti della società, tra i quali i fondi Contrarian Capital Management, LLC, e Silver Point Capital, LP.

 

Alla fine del primo trimestre di quest’anno, Codere ha annunciato la richiesta di arbitrato presentata dai fratelli Martínez Sampedro, consiglieri Codere, per la violazione di vari aspetti del patto parasociale alla Comisión Nacional del Mercado de Valores ( CNMV).

 

L’arbitrato è stato presentato ai sensi del Regolamento CCI contro la Società; vari azionisti; e parte dei membri del Consiglio di amministrazione della Società.

 

 

Discovery. Di cosa si tratta? – I fratelli Martínez Sampedro hanno presentato la richiesta di utilizzare questo strumento negli Stati Uniti, contro i fondi di origine nordamericana che li hanno rimossi dalla presidenza del Gruppo Codere.

Il discovery è una figura della legge procedurale dei paesi di common law e, più in particolare, della legge processuale degli Stati Uniti, che è caratterizzata dal permettere alle parti di preparare un processo richiedendo ogni tipo di informazione.
Carlos Sánchez López, dello studio legale Sánchez e Sánchez, lo definisce come “la procedura procedurale attraverso la quale ciascuna delle parti può ottenere informazioni dagli altri, al fine di specificare l’oggetto della controversia, determinare le loro posizioni e raccogliere prove per il successivo processo giudiziario “.

Discovery è regolato dalle regole da 26 a 37 del Federal Rules of Civil Procedure (FRCP) e tra i suoi principi base vi è quello che avverrà principalmente attraverso le comunicazioni dirette tra le parti e che saranno in grado di risolvere le loro divergenze autonomamente. “Ovviamente, c’è la possibilità di ricorrere al giudice nel caso in cui le parti non siano in grado di concordare una soluzione, ma è importante capire che questo meccanismo è usato poco e come ultima risorsa”, come spiega Uría Menéndez Abogados.

Discovery si compone di vari meccanismi, tra cui spiccano il contributo documentale e le deposizioni.

Il contributo documentale è molto ampio, tuttavia ci sono alcuni limiti alle informazioni che possono essere richieste. “I requisiti che sono totalmente irrilevanti, o riferiti a questioni coperte dal privacy (ad esempio, comunicazioni con avvocati, dottori e pazienti, e persino autoincriminazioni) non sono ammissibili. Anche le richieste che saranno molto costose possono essere soggette a una precedente fornitura di fondi, o negate “, chiarisce Carlos Sánchez López. D’altra parte, il rifiuto di fornire informazioni da parte di una delle parti può portare a una mozione, in cui è richiesto al giudice di obbligare la parte avversa a fornire le informazioni. Il mancato rispetto di questa ingiunzione può comportare sanzioni significative.

D’altra parte, le deposizioni sono testimonianze orali extragiudiziali. Questi sono interrogatori di testimoni o parti, sotto giuramento e senza la presenza del giudice, che sono registrati e successivamente trascritti per l’uso nel processo. Nelle deposizioni, tutte le parti hanno il diritto di porre domande e di sottoporle a un controllo incrociato.

Sebbene lo strumento del discovery sia radicato nella cultura legale, è criticato perché le massicce richieste di documenti finiscono per aumentare i costi del contenzioso e possono essere utilizzate dalla parte con maggior potere economico nel processo come strumento di pressione per forzare un accordo.

 

PressGiochi

 

Codere: la battaglia tra Martínez Sampedro e i fondi di investimento si sposta nei tribunali americani

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN