26 Ottobre 2020 - 05:56

Cresce l’attenzione del Mef sui giochi: elevare la qualità combattendo l’illegalità

Elevare la qualità dell’offerta dei giochi pubblici e assicurare un ambiente di gioco sicuro, combattendo il gioco illegale, proteggendo i soggetti vulnerabili e ponendo particolare riguardo alle attività sul divieto

22 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Elevare la qualità dell’offerta dei giochi pubblici e assicurare un ambiente di gioco sicuro, combattendo il gioco illegale, proteggendo i soggetti vulnerabili e ponendo particolare riguardo alle attività sul divieto di gioco da parte dei minori.

Sono queste alcune delle linee guida indicate dal Ministro del Mef Roberto Gualtieri per quanto riguarda la legalità inserite nell’Atto di indirizzo sulla politica fiscale 2020-2022 presentata al Senato della Repubblica.

Come si legge nell’Atto, “la lotta all’evasione e all’elusione fiscale continuerà rafforzando gli strumenti di contrasto delle frodi e contrastando l’evasione e l’illegalità nel settore dei giochi.

“L’Agenzia delle Entrate nel suo mandato istituzionale provvederà ad avviare la lotteria dei corrispettivi e della lotteria corrispettivi cashless finalizzata alla corretta e completa certificazione dei corrispettivi soprattutto nei rapporti business to consumer dove è più alta la probabilità di evasione di imposta”.

Tra gli obiettivi previsti anche quello di rafforzare a pieno regime a decorrere dal 2021 le iniziative congiunte con la Guradia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per potenziare le attività di analisi finalizzate a contrastare l’evasione e per agevolare il coordinamento delle attività anche a livello territoriale.

 

Nell’ambito dei suoi compiti e nelle sue funzioni istituzionali l’Agenzia si impegna:

a fornire il supporto tecnico necessario al Governo per la regolamentazione del settore dei giochi, anche attraverso la conoscenza delle abitudini di gioco della popolazione, al fine di efficientare e razionalizzare gli strumenti di contrasto al gioco patologico. A sviluppare il sistema di monitoraggio dell’offerta di gioco attraverso l’evoluzione della ‘banca dati sui giochi’ e l’integrazione con i sistemi delle altre Autorità coinvolte; ciò al fine di verificare l’andamento dei volumi di gioco e la relativa distribuzione sul territorio nazionale, con particolare attenzione alle aree più soggette al rischio di concentrazione di giocatori affetti dal disturbo da gioco d’azzardo;

a rafforzare l’attività di controllo sul divieto di gioco ai minori, anche in cooperazione con le Forze dell’Ordine, con particolare riferimento al controllo sugli ingressi negli esercizi e sugli apparecchi muniti di meccanismi idonei ad impedire ai minori di età l’accesso al gioco, quali il corretto funzionamento di quello finalizzato all’utilizzo della tessera sanitaria;

a promuovere attività di studio e analisi per la formazione di proposte normative e contribuire all’attuazione di quanto previsto dalla legge 96/2018 per la realizzazione di una riforma in materia di giochi pubblici in modo da assicurare l’eliminazione dei rischi connessi al disturbo da gioco d’azzardo e contrastare il gioco illegale e le frodi a danno dell’erario.

Pressgiochi