18 Aprile 2024 - 22:34

Decreto giochi online. Avv. Agnello: “Con questi requisiti andremo incontro a tantissimo contenzioso”

“Guarda caso il riordino dei giochi a distanza arriva insieme alla riforma fiscale con le modifiche al sistema della riscossione per tutto il sistema nazionale. Facciamoci una domanda: quali sono

15 Marzo 2024

Print Friendly, PDF & Email

“Guarda caso il riordino dei giochi a distanza arriva insieme alla riforma fiscale con le modifiche al sistema della riscossione per tutto il sistema nazionale. Facciamoci una domanda: quali sono i reali obiettivi del legislatore italiano?

Abbiamo un riordino dei giochi a distanza con l’imposizione di tre canoni base: un canone che da 250mila euro passa a 7 milioni; un secondo che arriva al 3% dei ricavi netti, quasi il doppio rispetto

alla precedente gara, e infine, uno 0,2% dei ricavi netti riguardo alla comunicazione del gioco responsabile.

Che spazio resta per le piccole e medie imprese, che cosa possono fare?

C’è il rispetto dei principi di matrice europea? Sono stati realmente rispettati oppure è soltanto una dicitura testuale ma poi in realtà non riusciamo a comprendere realmente come siano rispettati i principi eurounitari?”.

Lo afferma a PressGiochi l’avv. Daniela Agnello, storico difensore del Gruppo Stanleybet, commentando le recenti novità normative che riguardano l’approvazione del decreto sul riordino del gioco a distanza.

“Bisogna fare – secondo la mia opinione – delle domande alle quali trovare una risposta.

Andiamo incontro a tantissimo contenzioso con la preoccupazione che scompariranno le piccole e medie imprese.

Cosa rimarrà di questo riordino?

L’esigenza di allearsi o fondersi con i grandi gruppi. Rimarrà la partecipazione di grandi gruppi, la fusione delle PMI, speriamo nella tutela dell’ordine pubblico, della legalità e nel rispetto dei consumatori”.

Le piccole e medie imprese quali opzioni hanno, come potranno unirsi?

“Ci sono gli strumenti giuridici delle fusioni, delle incorporazioni. La creazione di incorporazioni di piccoli nei grandi e la creazione di gruppi che prima erano grandi e diventano ancora più grandi”.

PressGiochi