20 Maggio 2024 - 19:51

UK. Il CEO di Bacta denuncia al governo la carenza di manodopera nel settore dell’intrattenimento

John White, CEO dell’associazione di categoria britannica del puro intrattenimento, bacta, ha risposto alla crisi del lavoro che affligge le imprese nei settori dei divertimenti e dei giochi a basso

24 Luglio 2023

Print Friendly, PDF & Email

John White, CEO dell’associazione di categoria britannica del puro intrattenimento, bacta, ha risposto alla crisi del lavoro che affligge le imprese nei settori dei divertimenti e dei giochi a basso rischio, sollecitando il governo a rimuovere alcuni degli ostacoli all’assunzione nel Regno Unito.

Parlando sette anni dopo che la Gran Bretagna ha votato per il ritiro dall’Unione Europea, John White ha dichiarato: “La Brexit, unita all’impatto del Covid, ha portato molti dei lavoratori europei che erano impiegati nel settore dell’ospitalità a tornare nel loro paese di nascita e a non tornare nel Regno Unito.

La loro percezione è che il Regno Unito non sia più una proposta allettante per una serie di ragioni, non ultime la crisi del costo della vita, le opportunità di lavoro e la burocrazia necessaria per ottenere i visti di lavoro.

“Il cambiamento fondamentale richiesto dai membri di bacta è che il governo inserisca i posti di lavoro nel nostro settore nell’elenco delle occupazioni carenti.

Avere un approccio più dinamico alla carenza di manodopera è fondamentale”. Ha osservato: “Dal punto di vista degli affari, la libera circolazione delle persone è stata una manna dal cielo: tuttavia, non era ciò per cui la popolazione ha votato nel 2016 ed è improbabile che ritorni. La grande sfida per questo e per i governi futuri è identificare come replicare i vantaggi della libera circolazione e bilanciare il risultato con l’imperativo politico di dimostrare che il Regno Unito ha il controllo dei suoi confini”.

 

PressGiochi