16 Giugno 2024 - 04:20

Ucraina. La protezione dei migranti influirà anche sui finanziamenti dell’ippica. Il M5S presenta odg

Viene discusso in questi giorni in prima Commissione Affari Costituzionali del Senato, il decreto legge per la protezione temporanea delle persone provenienti dall’Ucraina. Per il finanziamento delle attivita` di assistenza

07 Aprile 2023

Print Friendly, PDF & Email

Viene discusso in questi giorni in prima Commissione Affari Costituzionali del Senato, il decreto legge per la protezione temporanea delle persone provenienti dall’Ucraina.

Per il finanziamento delle attivita` di assistenza e accoglienza delle persone in fuga dall’Ucraina si quantifica quindi un onere pari a quasi 300 milioni di euro per l’anno 2023, alla cui copertura si provvede quanto a
276.588.800 euro, mediante corrispondente riduzione degli stanziamenti delle Missioni e dei Programmi di spesa dei Ministeri, e quanto a 22,8 milioni di euro per l’anno 2023, mediante corrispondente utilizzo delle somme versate all’entrata del bilancio dello Stato derivanti dalle sanzioni amministrative irrogate dall’Autorita` garante della concorrenza e del mercato, che, alla data del 22 febbraio 2023, non sono state riassegnate ai pertinenti programmi e che sono pertanto acquisite all’erario.

Le riduzioni delle spese dei Ministeri per missioni e programmi esposte nel provvedimento concernono il finanziamento di disparate e variegate politiche pubbliche tra cui quelle relative al Ministero dell’Agricoltura, della Sovranita` Alimentare e delle Foreste, Missione 1 Agricoltura, politiche agroalimentari e pesca, Programma 1.3 Politiche competitive, della qualita` agroalimentare, della pesca, dell’ippica e mezzi tecnici di produzione.

Per questo i senatori del M5S Cataldi e Maiorino hanno presentato un ordine del giorno per impegnare il Governo “a monitorare gli effetti applicativi delle disposizioni che, al fine di provvedere alle attivita` di assistenza e accoglienza delle persone in fuga dall’Ucraina, dispongono la variazione compensativa, in termini di competenza e di cassa, negli stati di previsione della spesa dei ministeri di cui in premessa, al fine di reperire nel primo provvedimento utile, o in legge di bilancio, le risorse necessarie a garantire l’idoneo finanziamento delle relative politiche pubbliche sociali, dell’istruzione, dell’universita` e della ricerca, della cultura, ambientali, agricole e della sicurezza”.

PressGiochi