22 Settembre 2020 - 13:18

Treviso. Saranno segnalati alle famiglie i minorenni beccati a giocare alle slot

Il Comune di Treviso ha iniziato la sua battaglia contro videopoker e dipendenza da gioco d’azzardo. Essendo gli esercizi commerciali con giochi e slot machine soggetti a norme nazionali, le

18 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Treviso ha iniziato la sua battaglia contro videopoker e dipendenza da gioco d’azzardo. Essendo gli esercizi commerciali con giochi e slot machine soggetti a norme nazionali, le amministrazioni locali non possono modificare a piacimento orari e divieti, dovendo intervenire attraverso vie traverse per combattere il fenomeno.

Così a Cà Sugana hanno iniziato organizzando corsi di formazione per i gestori dei locali, incontri nelle scuole per spiegare i danni della dipendenza da gioco d’azzardo e segnalando alla famiglie i minorenni pescati a utilizzare le macchinette.

Il prossimo passo sarà quello di limitare l’apertura dei nuovi negozi con slot a 500 metri da scuole e luoghi di aggregazione, sperando così di scoraggiare l’ingresso dei giovani nel mondo dell’azzardo e favorendo con alcune agevolazioni fiscali sulle imposte comunali i locali che decideranno di eliminare slot e videopoker.

PressGiochi