04 Marzo 2024 - 22:25

Senato, Pd presenta mozione sul gioco d’azzardo patologico

Nella giornata di ieri il senatore Lorenzo Basso del PD ha presentato una mozione sul disturbo da gioco patologico. “La delega fiscale (legge n. 111 del 2023) – spiega Basso

02 Febbraio 2024

Print Friendly, PDF & Email

Nella giornata di ieri il senatore Lorenzo Basso del PD ha presentato una mozione sul disturbo da gioco patologico.

“La delega fiscale (legge n. 111 del 2023) – spiega Basso ed altri – prevede principi e criteri direttivi per il riordino delle disposizioni sui giochi pubblici, con specifico riguardo alla tutela dei soggetti maggiormente vulnerabili, anche attraverso l’impiego di forme di comunicazione del gioco d’azzardo legale coerenti con l’esigenza di tutela di questi soggetti, alla prevenzione dei fenomeni di disturbi da gioco d’azzardo, alla dislocazione territoriale degli esercizi, alla riserva statale nell’organizzazione ed esercizio dei giochi, alla partecipazione degli enti locali al procedimento di autorizzazione e di pianificazione e all’accesso, da parte dei soggetti pubblici e privati che svolgono attività di prevenzione e cura della patologia da gioco d’azzardo, ai dati concernenti la diffusione territoriale, la raccolta, la spesa e la tassazione dei giochi autorizzati di qualsiasi tipologia e classificazione;

le prime valutazioni sullo schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di riordino dei giochi d’azzardo, a partire da quelli a distanza, evidenziano un’impostazione incentrata in via prioritaria sugli interessi dell’erario e della filiera che gestisce i punti di offerta di giochi pubblici, mentre scarsa attenzione e fortissime preoccupazioni destano le insufficienti misure per il contrasto al gioco d’azzardo e alla ludopatia”.

Il Partito Democratico ha chiesto al Governo di impegnarsi:

1) ad adottare misure finalizzate a contenere in misura significativa il trend di crescita del gioco d’azzardo sia on line sia nei punti di offerta del gioco d’azzardo pubblico e ad invertire il percorso di sviluppo complementare delle due forme di gioco al fine di ridurre i rischi patologici e la diffusione del gioco d’azzardo fra i cittadini;

2) a rafforzare le disposizioni per il contrasto al gioco d’azzardo illegale, con particolare riguardo a quello via web in forte espansione, utilizzando la piattaforma introdotta dall’articolo 6 della legge n. 93 del 2023 per disabilitare in tempi brevissimi i siti “pirata” di streaming;

3) a rafforzare le misure tecniche e normative vigenti al fine di garantire la piena tutela della salute, la prevenzione dei disturbi da gioco d’azzardo e del ricorso al gioco d’azzardo da parte dei soggetti più fragili, come i minori, gli anziani e le persone con disabilità, dando piena attuazione alle risultanze di cui alla relazione conclusiva di mandato dell’Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave;

4) a rafforzare le norme a carattere dissuasivo che prescrivono il divieto assoluto di pubblicità, a partire dal divieto di ogni forma di promozione del gioco anche attraverso l’informazione sulle quote degli scommettitori o attraverso la promozione di siti on line direttamente collegati a quelli del gioco; a consolidare le forme di avvertimento del rischio di dipendenza da gioco, la cui osservanza potrebbe anche essere resa ancora più stringente per tutelare i consumatori del gioco d’azzardo e per prevenire la diffusione della patologia connessa; a rafforzare, al contempo, l’azione nelle diverse tipologie di controllo finalizzate alla tutela della legalità;

5) a rivedere il dimensionamento dell’offerta, allo scopo di ridurre sul territorio i punti di offerta del gioco pubblico; a rendere più stringenti le disposizioni sulle distanze minime tra i punti di offerta del gioco pubblico e di queste ultime rispetto ai luoghi sensibili; a rafforzare i controlli e le verifiche periodiche dei requisiti presso i concessionari;

6) ad avviare nuove ed ulteriori iniziative di informazione e formazione finalizzate a prevenire il disturbo da gioco d’azzardo.

 

PressGiochi

Fonte immagine: https://it.depositphotos.com