29 Settembre 2020 - 09:11

Sassari. Detrazioni fiscali fino a mille euro per chi toglie le slot dai propri negozi

Uno sgravio che sarà adottato in via sperimentale per tre anni, e che riguarderà non solo coloro che faranno sparire gli apparecchi da gioco dal negozio, ma anche tutti i pubblici esercizi che le slot machine non le hanno mai installate, o che le hanno cancellate da almeno un anno.

12 Gennaio 2015

Print Friendly, PDF & Email

La commissione Bilancio di Palazzo Ducale ha approvato il “Regolamento per la concessione di contributi al fine di contrastare la ludopatia”. In base a questa nuova norma i negozianti che dicono no al gioco d’azzardo legalizzato saranno premiati con rimborsi fino a 1000 euro l’anno delle imposte comunali.

Uno sgravio che sarà adottato in via sperimentale per tre anni, e che riguarderà non solo coloro che faranno sparire gli apparecchi da gioco dal negozio, ma anche tutti i pubblici esercizi che le slot machine non le hanno mai installate, o che le hanno cancellate da almeno un anno. Quest’ultimo aspetto, insieme con l’estensione fino a tre anni delle agevolazioni, è stato inserito nel regolamento comunale grazie a un emendamento presentato in Commissione dal consigliere del Pd, Simone Campus.

Lo sgravio abbatterà i costi per le tasse comunali Imu, Tosap e Imposta sulla pubblicità, che dovranno essere regolarmente pagati dagli esercenti, i quali, in base alle nuove norme approvate in Commissione potranno poi chiedere e ottenere il rimborso, fino a un massimo di mille euro.

PressGiochi