01 Ottobre 2020 - 04:21

Sapar. Curcio Incontra il sindaco di Reggio Calabria; evidenziato il ruolo svolto dalle aziende contro il sistema illegale

Una delegazione dell’Associazione Nazionale Sezione Apparecchi per le Pubbliche Attrazioni Ricreative (Sapar), che rappresenta oltre 1.500 aziende di gestione e produzione di macchine da gioco in Italia, è stata ricevuta

10 Dicembre 2014

Print Friendly, PDF & Email

Una delegazione dell’Associazione Nazionale Sezione Apparecchi per le Pubbliche Attrazioni Ricreative (Sapar), che rappresenta oltre 1.500 aziende di gestione e produzione di macchine da gioco in Italia, è stata ricevuta questa mattina dal nuovo sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. In rappresentanza della Sapar

erano presenti il presidente nazionale Raffaele Curcio, il segretario nazionale Corrado Luca Bianca e il consigliere Natale Ciliberti. L’incontro si è svolto in un clima estremamente cordiale e collaborativo. Curcio ha illustrato al sindaco le caratteristiche del settore degli apparecchi, l’importante ruolo svolto dalle aziende nel contrasto ai sistemi di gioco illegali e le problematiche riguardanti i divieti imposti da molte amministrazioni locali in Italia.

Il sindaco Falcomatà, inoltre, ha apprezzato l’iniziativa della Sapar del ciclo di corsi di formazione sul contrasto al gioco d’azzardo patologico partito nelle scorse settimane da Roma e Milano, e che presto toccherà altre importanti città. «L’amministrazione comunale, senza pregiudizi, ha ascoltato le proposte delle aziende del gioco legale: siamo disponibili a iniziare con il Comune un percorso di iniziative legate alla promozione dell’educazione al consumo e alla tutela dei soggetti deboli. Mi auguro che sempre più amministratori riconoscano l’importanza del ruolo degli operatori legali nel contrasto al gioco irregolare e clandestino», ha dichiarato Curcio.

L’incontro è stato positivo anche per il consigliere Ciliberti che ha dichiarato: «Abbiamo trovato disponibilità e apertura al confronto. Si può contrastare il gioco d’azzardo patologico senza mettere in pericolo il futuro delle aziende che, sul territorio, creano occupazione e assicurano risorse allo Stato». – PressGiochi –