22 Maggio 2024 - 19:41

Regione Toscana vieta le ticket redemption ai minori. Distante (Sapar): “Una scelta dettata da ignoranza”

Lo scenario peggiore si è purtroppo verificato. La Regione Toscana ha infatti vietato ai minori l’uso delle ‘ticket redemption’. Il Consiglio regionale ha approvato la nuova legge, voluta da un

12 Luglio 2023

Print Friendly, PDF & Email

Lo scenario peggiore si è purtroppo verificato. La Regione Toscana ha infatti vietato ai minori l’uso delle ‘ticket redemption’. Il Consiglio regionale ha approvato la nuova legge, voluta da un gruppo di consiglieri del Pd, con voto unanime. “Qualche mese fa denunciammo i rischi che si correvano di fronte a quanto poteva accadere nella regione Toscana e dobbiamo purtroppo assistere all’ennesima vittoria di ignoranza e superficialità – ha dichiarato Domenico Distante presidente della Sapar – come si fa solamente a pensare che un ticket, che porterà a vincere una macchinina, un peluche, un cuscino della propria squadra del cuore, possa creare una gratificazione che potrebbe sfociare nell’azzardo. Questa è incompetenza allo stato puro, ignoranza dal punto di vista politico, tecnico, sociale, economico. Possibile che qualcuno dei firmatari di questo orrore normativo non sia mai entrato con il proprio figlio in una di queste sale? Possibile che non abbiamo mai sparato, in un luna park od una fiera di paese, con fucili e pistole giocattolo a dei barattoli per vincere un premio? Nessuno ha mai gridato allo scandalo per questo e per giochi che da sempre fanno parte integrante dell’attività di divertimento dei nostri figli. Eppure la Toscana vede dei pericoli dove invece regno il sano divertimento. Perché invece di dare sostanza a preconcetti basati sul niente non si tiene conto della scienza – sottolinea Distante – basta ricordare la ricerca, unica al mondo nel suo genere, sulle possibili problematiche legate alle ticket redemption, effettuata dall’Università Roma Tre. Questa ricerca, effettuata ribadisco da un’Università tra le più qualificate, ha dimostrato che non esistono fondamenti scientifici che colleghino queste macchine al gioco d’azzardo e alla ludopatia. Forse chi propone questi accostamenti lo fa per cercare consensi. E qui sbagliano una seconda volta. Pensano davvero che questo porterà loro il consenso delle famiglie che accompagnano i figli a giocare nelle sale che ospitano le ticket redemption e non si pongono proprio il problema dell’azzardo perché sanno che è un luogo di puro divertimento? Con premi che arrivano al massimo ad un valore di 20 euro, come fanno solo a pensare al pericolo ludopatia. Da notare che nella relazione al progetto di legge della Toscana si parla di “potenziali sviluppi futuri della patologia”, cioè ammettono che non c’è un rischio attuale di ludopatia. Oltre al fatto che ovviamente in base alla normativa nazionale le Redemptions sono accessibili ai minori in quanto apparecchi comma 7 a tutti gli effetti . Questi sono errori politici e tecnici fatti dai consiglieri della regione Toscana. Ma ci sono anche i problemi di tipo economico e sociale. Questa legge potrebbero far scomparire attività dove divertimento e socializzazione avvengono nel modo più sicuro e controllato e potrebbe spostare tanti giovani verso forme diverse di svago con il rischio di incappare in giochi pericolosi per la salute e gestiti da organizzazioni senza scrupoli. Insomma ci stanno togliendo la voglia di regalare un sorriso a tanti ragazzi. Di fargli trascorrere del tempo con degli amici in modo divertente e sano. Per queste persone anche giocare è un delitto e ci stanno trascinando in un mondo povero di stimoli e di serenità. Ma noi continueremo a denunciare queste assurdità – conclude il presidente di Sapar – perché far smettere di giocare e di ricevere un premio ad un bambino è un atto gravissimo, perché nessuno dovrebbe mai togliere loro un momento di sana felicità”.

PressGiochi