21 Settembre 2020 - 21:33

Processo Black Monkey: sfilano i nomi degli acquirenti delle schede inquisite

Un elenco davvero impressionante che, per ora, tocca principalmente le seguenti Regioni: Piemonte, Puglia, Lombardia, Emilia Romagna, Campania. Questa l’estensione di mercato delle schede ( “quelle belle” ) commercializzate dalle

26 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Un elenco davvero impressionante che, per ora, tocca principalmente le seguenti Regioni: Piemonte, Puglia, Lombardia, Emilia Romagna, Campania.

Questa l’estensione di mercato delle schede ( “quelle belle” ) commercializzate dalle aziende imputate nel processo di Bologna, compiutamente descritta dal Maresciallo Basile nel corso del suo interrogatorio condotto ieri dal Pubblico Ministero della Direzione Distrettuale Antimafia, Dott. Caleca, durante il quale è stata anche descritta la “mappa” dei circoli dedicati esclusivamente alla installazione di p.c. connessi a siti di casinò on line esteri.

Come fa sapere l’associazione Astro, le schede “belle” si diversificavano dalle altre, descritte come “quelle normali”, benché recanti il medesimo titolo di gioco depositato alla banca dati dell’Amministrazione dei Monopoli di Stato.

E’ opportuno evidenziare che a seguito di un ordine di servizio impartito dal presidente del collegio penale, in merito alla conduzione degli esami testimoniali, dalle deposizioni orali sarà possibile  apprendere solo “le principali” fenomenologie di “commercializzazione”, ovvero quelle per le quali  il teste non si limiti a ripetere il contenuto di intercettazioni telefoniche agli atti del dibattimento dopo la perizia sui relativi supporti.

L’elenco completo dei “clienti” coinvolti nell’acquisto dei “prodotti belli” sarà quindi estrapolabile a seguito dell’esame delle migliaia di intercettazioni trascritte, il cui esito, comunque, si preannuncia come l’ennesimo evento “non felice” della storia del settore.

 

PressGiochi