24 Settembre 2020 - 03:09

Pescara. Votata all’unanimità mozione del M5S: pubblicità gratis agli esercizi no slot e ‘segnaletica di pericolo’ vicino agli apparecchi

E’ stata approvata all’unanimità la Mozione portata in Consiglio Comunale dal Movimento Cinque Stelle Pescara per intervenire concretamente ed impegnare la Giunta Comunale sulla questione del Gioco d’Azzardo. Molti i

02 Marzo 2015

Print Friendly, PDF & Email

E’ stata approvata all’unanimità la Mozione portata in Consiglio Comunale dal Movimento Cinque Stelle Pescara per intervenire concretamente ed impegnare la Giunta Comunale sulla questione del Gioco d’Azzardo. Molti i punti interessanti contenuti nella Mozione che individuano delle azioni dirette per risolvere questo problema. Il gioco d’azzardo, infatti, rappresenta ad oggi una delle patologie di dipendenza che maggiormente desta preoccupazione per l’ampia e costante diffusione che il fenomeno sta acquisendo, anche a causa della crisi economica. L’idea che con un “minimo” investimento si può ottenere molto trae in inganno molti cittadini che credendo di poter determinare il risultato delle proprie giocate e di trarne vantaggio perdono in realtà il controllo.

L’azione di contrasto del fenomeno si rivolge agli utenti su più livelli. Per i COMMERCIANTI che ospitano nei propri esercizi le macchinette slot il Movimento Cinque Stelle ha ottenuto dal Sindaco l’impegno di creare un marchio per i locali commerciali virtuosi che decideranno di non utilizzare o di eliminare le slot-machines dal loro interno, in modo che siano immediatamente riconoscibili come “SLOT- MACHINES FREE” tramite vetrofania autorizzata e distribuita dal Comune. Per questi esercizi commerciali saranno previste riduzioni sulle imposte comunali come incentivo e premialità di comportamenti virtuosi a vantaggio della qualità della vita di tutti i cittadini.

Inoltre il Movimento ha ottenuto l’impegno della Giunta per sostenere, una tantum, la promozione di detti esercizi commerciali offrendo la possibilità di utilizzare, in maniera gratuita, spazi pubblicitari di pertinenza comunale e spazi pubblicitari sul giornale comunale. Gli esercenti che non vorranno aderire alla campagna SLOT-MACHINE FREE saranno obbligati a posizionare vicino a tali apparecchi, in maniera ben visibile, un cartello che ne segnali la pericolosità.

La Mozione poi individua delle azioni concrete sul piano sociale per aiutare coloro che sono già afflitti da questa patologia, o che sono a rischio. I dati risultano allarmanti: il Consiglio Nazionale delle Ricerche stima in 17 milioni (42% delle persone residenti in Italia tra i 15e i 64 anni) il numero di coloro che hanno giocato almeno una volta in un anno, in 2 milioni gli italiani a rischio minimo e in circa 1 milione i giocatori ad alto rischio (600-700mila) o già patologici (250-300mila). L’Italia rappresenta il paese tra i primi al mondo per consumo di gioco ed anche l’Abruzzo ne è colpito con numeri allarmanti.

In un’ottica quindi di prevenzione e di responsabilità istituzionale abbiamo chiesto ed ottenuto grazie a questa mozione una serie di azioni importanti rivolte ai CITTADINI USUFRUITORI. Primo passo formare ed informare i cittadini pescaresi, in modo particolare i giovani, sulla pericolosità dell’abuso dei giochi che consentono vincite in denaro, utilizzando i più appropriati canali di divulgazione. Per una corretta informazione abbiamo ottenuto di dedicare uno spazio specifico sul sito web del Comune di Pescara riservato alle informazioni e alla sensibilizzazione della popolazione sul tema del gioco d’azzardo e sulla sua pericolosità.

Inoltre per arrivare a tutti i cittadini, anche a quelli poco presenti sul web, visto l’aumentare delle persone anziane colpite dalla dipendenza, abbiamo ottenuto di promuovere attraverso l’AUSL locale campagne informative circa l’esistenza di terapie mirate e specifiche per chi soffre di dipendenza dal gioco. Per i più giovani l’impegno ottenuto da parte dei Cinque Stelle è quello di rafforzare l’azione della Polizia Locale garantendo il rispetto della Normativa di riferimento in materia e, in particolare: il divieto di utilizzo da parte dei minori di 18 anni di apparecchi che erogano vincite in denaro.

PressGiochi