25 Giugno 2024 - 16:48

Paesi Bassi, si valuta l’aumento delle tasse sul gioco d’azzardo al 37,8%

L’accordo di coalizione olandese prevede un significativo aumento della tassa sul gioco d’azzardo, passando dall’attuale 30,5% al 37,8%. Questo cambiamento, se implementato, garantirà al Tesoro dello Stato un incremento di

16 Maggio 2024

Print Friendly, PDF & Email

L’accordo di coalizione olandese prevede un significativo aumento della tassa sul gioco d’azzardo, passando dall’attuale 30,5% al 37,8%. Questo cambiamento, se implementato, garantirà al Tesoro dello Stato un incremento di 202 milioni di euro (173,3 milioni di sterline/219,6 milioni di dollari) all’anno in contributi fiscali derivanti dal gioco d’azzardo. Le forze politiche coinvolte nell’accordo sono PVV, VVD, NSC e BBB.

A novembre, sette partiti hanno annunciato l’intenzione di generare ulteriori 200-400 milioni di euro in entrate statali attraverso l’aumento della tassa sul gioco d’azzardo. L’accordo di coalizione, intitolato “Speranza, coraggio e orgoglio”, sarà presentato oggi, 16 maggio.

La decisione di incrementare la tassa sul gioco d’azzardo arriva in un contesto di polemiche riguardanti il divieto delle slot online e della pubblicità mirata sul gioco d’azzardo. Recentemente, la Camera dei rappresentanti ha votato per vietare la pubblicità del gioco d’azzardo online, così come il gioco d’azzardo “ad alto rischio”, che include le slot online.

Questo voto segue un precedente divieto sulla pubblicità, in vigore dal luglio 2023, che ha già eliminato la pubblicità di massa attraverso la televisione, la radio e le sponsorizzazioni sportive. La proposta di vietare le slot online è stata motivata dai timori relativi alla mancanza di controllo da parte dei giocatori sull’esito di tali giochi. Le mozioni, presentate dal deputato socialista Michiel van Nispen, dovranno essere esaminate dal ministro olandese per la protezione giuridica, Franc Weerwind, che avrà il compito di decidere se approvare le modifiche legislative.

Le nuove proposte legislative hanno sollevato una forte opposizione da parte dell’industria del gioco d’azzardo. La Netherlands Online Gambling Association (NOGA) ha criticato aspramente i divieti, sostenendo che potrebbero spingere i giocatori verso il mercato nero, dove non esiste alcuna regolamentazione o protezione per i consumatori.

Il direttore della NOGA, Peter-Paul de Goeij, ha definito le modifiche proposte come “sconsiderate e irresponsabili”, esprimendo preoccupazione per l’uso di cifre inesatte come base per le decisioni politiche. De Goeij ha avvertito: “La maggioranza della Camera dei deputati sta facendo una scommessa costosa con i giocatori online che ora optano consapevolmente per l’offerta legale. Se scoprissimo presto che i politici hanno preso le decisioni sbagliate troppo affrettatamente, la Camera sarà responsabile delle conseguenze negative”.

L’equilibrio tra la protezione dei consumatori e la regolamentazione dell’industria del gioco d’azzardo si trova al centro di questo dibattito, con implicazioni significative sia per le finanze pubbliche che per la sicurezza dei giocatori.

PressGiochi