30 Settembre 2020 - 03:40

Monza. Il comune bandisce contributi ai localo no-slot: partecipano solo due bar

Soltanto due bar hanno partecipato al bando del Comune di Monza che offriva contributi a chi rinunciava alle slot machine nei propri locali. Era il bando di contrasto alle ludopatie

03 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Soltanto due bar hanno partecipato al bando del Comune di Monza che offriva contributi a chi rinunciava alle slot machine nei propri locali. Era il bando di contrasto alle ludopatie che è caduto quasi nel vuoto.

Non ha riscosso il successo atteso il bando, a favore dei bar monzesi, per la dismissione delle slot machine. Il business delle slot è difficile da abbandonare soprattutto se l’incentivo economico non si avvicina nemmeno lontanamente agli introiti che “le macchinette” portano agli esercenti. Il bando del Comune di Monza aveva un budget di 20 mila euro e prevedeva un massimo di 2 mila euro per ogni esercente che decidesse di abbandonare le slot. Soltanto 2 bar di Monza, però, hanno partecipato.

L’assessore alle Attività Produttive, Carlo Abbà, commenta l’esito non entusiasmante di questo bando: «Utilizzeremo i soldi che sono avanzati per altri provvedimenti sulla tematica della ludopatia, il bando non ha avuto il successo che avevamo previsto probabilmente perché l’importo che concedevamo è di molto inferiore rispetto ai guadagni che si fanno con le slot».

PressGiochi