27 Novembre 2021 - 14:57

Minenna (ADM): “Settore giochi compresso da chiusure e illegalità, serve nuova regolamentazione”

“Il settore giochi partecipa alla produzione e al lavoro del nostro Paese. Va inquadrato quindi e valutato correttamente. In questo momento storico il settore è compresso sia dalla pandemia che

26 Aprile 2021

Print Friendly, PDF & Email

“Il settore giochi partecipa alla produzione e al lavoro del nostro Paese. Va inquadrato quindi e valutato correttamente. In questo momento storico il settore è compresso sia dalla pandemia che dall’illegalità.

Per quanto riguarda l’illegalità, le responsabilità vedono l’attivazione del controllo attivato dal CoPreGi con interventi sul territorio che ha coinvolto tutte le province italiane. Oltre 100 sale coinvolte. La certezza delle regole è una questione a monte in qualsiasi intervento di investimento. Questo settore che interseca economia reale con quella finanziaria deve veder definite le possibilità di investimento.

Serve tuttavia una revisione della regolamentazione. L’Agenzia ha dato più volte la disponibilità a fare da organo tecnico nella stesura di un testo. Speriamo nel 2021 di poter dare il nostro contributo per supportare questo settore.

Non nascondiamo l’esigenza di un miglior coordinamento con il mondo bancario, abbiamo avviato il confronto con l’ABI e speriamo prima dell’estate di fare un punto della situazione che prospetti una soluzione. Ci risentiremo con il sottosegretario in carica (Durigon, ndr) perché c’è assoluta sinergia di intenti per garantire tutti i supporti che il settore deve avere. Contro l’illegalità l’Agenzia non farà mancare sicuramente il suo supporto”.

Lo ha dichiarato il direttore di ADM Marcello Minenna intervenendo al webinar organizzato da ACADI dal titolo “Analisi dell’impatto sociale del settore del Gioco Pubblico nella Regione Lazio e delle conseguenze dell’entrata in vigore della L.R. 5/2013”, durante il quale, preso atto dell’impatto urbanistico in concreto determinato dai parametri del distanziometro, sono stati illustrati gli studi sulle conseguenze sulle realtà occupazionali e imprenditoriali, sul piano dell’ordine pubblico, sul piano erariale e su quello sanitario.

 

PressGiochi