18 Giugno 2024 - 00:31

La convergenza tra innovazione e sostenibilità nel gioco pubblico

L’innovazione e la sostenibilità nel settore dei giochi sono fondamentali per promuovere un futuro responsabile e resiliente.
Con questa convinzione inauguriamo oggi questa rubrica, a firma dell’esperta di gaming Laura D’Angeli, nella quale cercheremo di esplorare come la convergenza tra questi due concetti possa favorire un gioco più sicuro e consapevole, contribuendo al benessere delle comunità. Analizzeremo, di volta in volta, come integrare i principi di sostenibilità nell’analisi delle aziende, evidenziando i benefici a lungo termine e il ruolo delle pratiche socialmente responsabili nel garantire migliori performance aziendali nel tempo.

08 Aprile 2024

Print Friendly, PDF & Email

L’innovazione e la sostenibilità sono due concetti strettamente collegati che giocano un ruolo fondamentale nella trasformazione dei settori e delle economie globali verso un futuro più resiliente e responsabile. La convergenza tra innovazione e sostenibilità offre la possibilità di sviluppare soluzioni creative e avanzate che possono contribuire a mitigare gli impatti negativi del gioco pubblico e a promuovere un’esperienza di gioco più sicura e consapevole per tutti i giocatori.

La sostenibilità nel settore del gioco pubblico può contribuire a creare un futuro più responsabile e solidale attraverso la promozione del gioco sicuro e consapevole e l’inclusione sociale. Questo significa superare il mero obiettivo di generare profitti, per contribuire attivamente al benessere delle comunità in cui si opera.

Nei prossimi mesi, ci dedicheremo a esplorare attraverso questa rubrica i molteplici aspetti legati alle opportunità offerte dalla convergenza tra sostenibilità e innovazione nel settore del gioco pubblico, entrando sempre di più ad esaminare gli aspetti più operativi. L’obiettivo è quello di associare i principi universalmente riconosciuti della sostenibilità all’innovazione per evidenziare nuove possibili direttrici di sviluppo.

In questo primo articolo, iniziamo a esplorare il ruolo della sostenibilità nel gioco pubblico, a indicarne i benefici e a evidenziare alcuni aspetti metodologici per una sua implementazione.

Partiamo proprio dai benefici, integrare i criteri di sostenibilità nella valutazione di un’azienda consente agli investitori di valutare la sua capacità di generare valore nel lungo termine, tenendo conto dei rischi e delle opportunità legate anche dell’impatto sociale e ambientale. Ad esempio, un’azienda con politiche ambientali solide potrebbe essere vista come meno esposta ai rischi ambientali e potenzialmente più resiliente nel tempo. Allo stesso modo, un’azienda con pratiche di governance trasparenti e una forte cultura etica, molto attenta alle politiche di gioco sicuro e consapevole, potrebbe essere considerata più attraente agli occhi degli investitori e più in generale ben considerata dagli stakeholder e dall’opinione pubblica in generale.

Inoltre, sempre più investitori stanno riconoscendo che le aziende socialmente responsabili tendono ad avere migliori performance nel lungo termine, poiché sono in grado di attrarre e trattenere talenti, gestire meglio i rischi, costruire relazioni più solide con i clienti e la comunità, e adattarsi più efficacemente ai cambiamenti nel panorama normativo e sociale. Quindi, la valutazione di un’azienda non si limita più solo agli indicatori finanziari, ma è sempre più influenzata dalla sua sostenibilità ambientale, sociale e di governance.

Ma se è vero che il tema della sostenibilità è sempre più diffuso e condiviso e altrettanto vero che il grande quesito che si pongono le aziende è quello di come rendere concreti gli obiettivi di sostenibilità.

Per iniziare a ragionare sul tema dell’innovazione e sostenibilità di seguito vi proponiamo una metodologia articolata in 5 fasi:

  1. Consapevolezza: comprendere i problemi ambientali, sociali ed economici (con particolare riferimento ai temi della prevenzione e contrasto del Disturbo da Gioco d’Azzardo DGA).
  2. Impegno: definire gli obiettivi e target.
  3. Valutazione: analizzare gli impatti e pianificare azioni di miglioramento.
  4. Implementazione: mettere in atto le iniziative di sostenibilità e monitorare i progressi.
  5. Comunicazione: trasparenza e condivisione dei risultati con gli stakeholder.

L’analisi dettagliata delle specificità del settore pubblico è essenziale per identificare le aree di intervento più rilevanti e per sviluppare strategie mirate. Non bisogna dimenticare, inoltre, che l’innovazione gioca un ruolo chiave in questo processo, poiché consente di ripensare i processi aziendali alla luce degli obiettivi di sostenibilità evidenziando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie. Integrare l’innovazione in tutte le fasi del percorso verso la sostenibilità può favorire una trasformazione efficace e duratura che contribuisce a creare valore anche per la società nel suo complesso.

Nei prossimi articoli parleremo degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (ESG), delle tecnologie per lo sviluppo sostenibile e cercheremo di descrivere le possibili certificazioni.


Lesson Learned

I primi passi verso la sostenibilità:

  1. Consapevolezza: comprendere i problemi ambientali, sociali ed economici (con particolare riferimento ai temi della prevenzione e contrasto del DGA).
  2. Impegno: definire gli obiettivi e target.
  3. Valutazione: analizzare gli impatti e pianificare azioni di miglioramento.
  4. Implementazione: mettere in atto le iniziative di sostenibilità e monitorare i progressi.
  5. Comunicazione: trasparenza e condivisione dei risultati con gli stakeholder.

 

Laura D’Angeli è consulente direzionale e fondatrice dello “Studio D’Angeli” con esperienza ventennale nel lancio di start up e nella pianificazione strategica ed economico-finanziaria. Negli ultimi 15 anni la sua attività si è concentrata su progetti per l’innovazione, la sostenibilità e il marketing responsabile nel settore del gaming.

 

 

 

PressGiochi

Fonte immagine: https://depositphotos.com