03 Febbraio 2023 - 22:07

Il Parlamento europeo approva la risoluzione sui videogiochi online – Testo approvato

I giocatori devono essere protetti meglio dalle pratiche manipolative e dalla dipendenza
I giochi dei minori devono tener conto della loro età, dei loro diritti e delle loro vulnerabilità
Il settore dei videogiochi ha un enorme potenziale di crescita e innovazione, ma ha bisogno di sostegno

18 Gennaio 2023

Print Friendly, PDF & Email

Questo pomeriggio, mercoledì 18 gennaio 2023, il Parlamento europeo ha chiesto che i giocatori siano protetti meglio dalla dipendenza e da altre pratiche manipolative, sottolineando al contempo il potenziale di questo settore innovativo. Ha quindi approvato la risoluzione sulla ‘Protezione dei consumatori nei videogiochi online: un approccio a livello del mercato unico europeo’.

Misure specifiche per proteggere i minori – La relazione – adottata con 577 voti a favore, 56 contrari e 15 astenuti – chiede regole armonizzate per dare ai genitori una buona visione d’insieme e il controllo sui giochi sui quali giocano i loro figli e su quanto tempo e denaro spendono per giocare. I deputati chiedono informazioni più chiare sul contenuto, sulle politiche di acquisto in-game e sul gruppo di età target dei giochi, possibilmente sulla falsariga del sistema Pan European Game Information (PEGI) già utilizzato in 38 paesi. Vogliono inoltre proteggere i minori in modo specifico dalle richieste di effettuare acquisti in-game e dall’essere coinvolti nel cosiddetto gold farming, ovvero la pratica di vendere oggetti ottenuti in un gioco con denaro reale in quanto ciò può essere collegato a crimini finanziari e umani abusi dei diritti. Inoltre, gli sviluppatori di giochi dovrebbero evitare di progettare giochi che alimentano la dipendenza e dovrebbero tenere conto dell’età, dei diritti e delle vulnerabilità dei bambini.

Maggiore protezione dei consumatori in linea con le norme dell’UE

– I deputati affermano che gli sviluppatori di videogiochi dovrebbero anche dare la priorità alla protezione dei dati, all’equilibrio di genere e alla sicurezza dei giocatori e non dovrebbero discriminare le persone con disabilità. Sottolineano che l’annullamento degli abbonamenti ai giochi deve essere facile come abbonarsi. Le politiche di acquisto, restituzione e rimborso dei giochi devono essere conformi alle norme dell’UE e le autorità nazionali devono porre fine alle pratiche illegali che consentono ai giocatori di scambiare, vendere o scommettere sui siti di gioco.

Un nuovo European video game award –  Il Parlamento riconosce il valore e il potenziale del settore dei videogiochi e desidera sostenerne l’ulteriore sviluppo.

A tal fine, i deputati propongono di istituire un premio annuale europeo per i videogiochi online e chiedono alla Commissione di presentare una strategia europea per i videogiochi che aiuterebbe questo settore creativo e culturale a sbloccare il suo pieno potenziale.

“Il nostro rapporto evidenzia gli aspetti positivi di questo settore pionieristico, ma anche i rischi sociali che dobbiamo tenere a mente, come l’impatto del gioco sulla salute mentale.

Questo è qualcosa che può colpire particolarmente i giocatori più giovani”, ha affermato la relatrice Adriana Maldonado López (S&D, ES) presentando la sua relazione alla plenaria. “Dobbiamo armonizzare le regole dell’UE, garantendo una maggiore protezione dei consumatori e con un’attenzione specifica ai minori”, ha aggiunto.

SCARICA IL TESTO APPROVATO

 


 

Garantire un ambiente più sicuro per i giocatori

Affrontare pratiche di acquisto problematiche

I videogiochi possono indurre i giocatori ad acquistare “pacchetti sorpresa” ( in inglese “loot box”): moduli virtuali casuali che aiutano i giocatori ad avanzare nel gioco. Poiché le persone spendono denaro reale, questo potrebbe avere conseguenze psicologiche e finanziarie negative attraverso acquisti indesiderati o incontrollati.

Il Parlamento invita la Commissione ad analizzare il modo in cui vengono vendute le loot box e ad adottare le misure necessarie per realizzare un approccio europeo comune per garantire la protezione dei consumatori.

I deputati mettono in guardia anche sulla pratica della “coltivazione dell’oro”, in cui gli utenti acquisiscono valuta di gioco e successivamente la vendono con denaro reale. Allo stesso modo, gli oggetti ottenuti nei giochi così come interi account utente possono essere scambiati, venduti o scommessi con valute reali, in contrasto con i termini e le condizioni applicati dagli editori di videogiochi.

Queste pratiche possono essere utilizzate nei paesi in via di sviluppo come veicolo per il riciclaggio di denaro, il lavoro forzato e lo sfruttamento minorile. Per questo motivo il Parlamento ha invitato le autorità nazionali a porvi fine.

Facilitare il diritto di recesso dai servizi

 In materia di abbonamenti ai videogiochi online, i deputati insistono sul fatto che la sottoscrizione e la cancellazione dell’abbonamento debbano essere ugualmente facili. Anche i rinnovi automatici potrebbero costituire un problema, nella misura in cui continuino indefinitamente contro l’intenzione del consumatore.

Le procedure di restituzione e garanzia di rimborso devono essere conformi alla legislazione dell’UE sulla protezione dei consumatori. In sostanza, per gli acquisti online i consumatori devono godere degli stessi diritti di restituzione e rimborso, validi per gli acquisti effettuati di persona in negozio.

The return and refund policies have to comply with EU consumer law, as consumers must have the same right to return and ask for a refund for online purchases as they have for in-person purchases.

Rafforzare la protezione dei minori

Il Parlamento intende garantire una migliore protezione dei bambini contro gli eventuali danni causati dai videogiochi online e dalla pubblicità mirata.

L’Eurocamera chiede inoltre l’impiego di strumenti di controllo parentale migliori e in linea con il Pan European Game Information (PEGI . Tale sistema che consentirebbe ai genitori di esercitare un maggiore controllo sulle abitudini di gioco dei propri figli e monitorando meglio il tempo e il denaro spesi per i videogiochi.

I deputati chiedono infine che gli sviluppatori di videogiochi evitino design manipolativi, poiché potrebbero dar luogo a fenomeni quali dipendenza dal gioco, isolamento e cyberbullismo.

Preservare la sicurezza dei gruppi vulnerabili

Per assicurare una miglior protezione dei gruppi vulnerabili, i consumatori dovrebbero poter disporre di tutte le informazioni necessarie sul gioco d’azzardo. Questo sarebbe d’aiuto nel prendere una decisione sui possibili acquisti.

Il Parlamento chiede inoltre che la progettazione di videogiochi online si sforzi di essere più inclusiva e accessibile.

Maggior rispetto delle norme sulla protezione dei dati

Nella loro relazione, i deputati insistono sul fatto che i videogiochi online dovrebbero proteggere meglio i dati degli utenti, in linea con i requisiti del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati.

Sostegno al settore del gioco online

Quello dei videogiochi online è un settore in piena espansione e contribuisce alla trasformazione digitale dell’UE. Molte persone usano i videogiochi online non solo come attività di svago ma anche come esercizio mentale. I giochi sono anche uno strumento utile nel campo dell’istruzione.

La Commissione è adesso invitata dagli eurodeputati a presentare una strategia europea sui videogiochi per sostenere un indotto da più di 90000 posti di lavoro solo in Europa. Poiché il settore è in forte sviluppo, è necessario considerare gli aspetti economici, sociali, educativi, culturali e innovativi dei videogiochi online.

Per evidenziare i risultati raggiunti in questo settore, il Parlamento vuole istituire un premio annuale dell’UE per i videogiochi online.

Infine, i deputati europei accolgono con favore il progetto di ricerca europeo “Kids Online”, che mira a raccogliere dati in tutta Europa sulle esperienze dei bambini con i videogiochi online. Inoltre, i deputati chiedono finanziamenti dell’UE per questo progetto e molti altri simili.

 

 

Pressgiochi