24 Maggio 2024 - 03:05

Iaccarino (Astro): “Contro la dipendenza da gioco dobbiamo indagare di più i comportamenti dei giocatori”

“Se si tratta di un settore industriale dobbiamo approcciarci al gioco con una visione industriale. La platea di riferimento è fatta da 21 milioni di giocatori. Una domanda sulla quale

19 Aprile 2024

Print Friendly, PDF & Email

“Se si tratta di un settore industriale dobbiamo approcciarci al gioco con una visione industriale. La platea di riferimento è fatta da 21 milioni di giocatori. Una domanda sulla quale si deve intervenire per eliminare i fattori di rischio nell’interesse dello stesso settore industriale. Nei territori dove sono state adottate restrizioni più forti i volumi di giochi sono ugualmente aumentati perché la domanda si è solamente spostata. Pensiamo al Piemonte e a Torino dove il volume di gioco è aumentato. Servono quindi meno analisi dei volumi dell’offerta e più analisi sulla composizione della domanda. I dati 2022 ci dicono che i conti di gioco attivi, 13,5mln, erano attribuibili alla fascia di età 18-34 anni. Se non si fa una analisi della domanda nella convinzione che sia la domanda a determinare l’offerta allora non si comprenderà veramente in maniera corretta come incidere sulla questione della dipendenza da gioco”.

Lo ha dichiarato Armando Iaccarino del Centro Studi Astro parlando ad Ige della questione territoriale del gioco.

PressGiochi