28 Settembre 2020 - 22:55

Giochi online. La Commissione europea deferisce la Svezia alla CJUE per non conformità della propria legislazione

La Commissione europea ha deciso di deferire la Svezia alla Corte di giustizia dell’Unione europea in quanto la sua legislazione introdotta nell’aprile del 2006 con la Swedish Lottery Law non risulta conforme al diritto comunitario.

19 Gennaio 2015

Print Friendly, PDF & Email

La Commissione europea ha deciso di deferire la Svezia alla Corte di giustizia dell’Unione europea in quanto la sua legislazione introdotta nell’aprile del 2006 con la Swedish Lottery Law non risulta conforme al diritto comunitario. Il caso è stato sollevato da un cittadino svedese che aveva presentato in Commissione una petizione sulla legge svedese relativa alle lotterie e sulla sua conformità ai principi della legislazione comunitaria in materia di libertà di stabilimento e libertà di fornire servizi.

Infatti, le scommesse e le lotterie in Svezia sono prerogativa dello Stato o di concessionari in franchising ad esso affiliati. Qualsiasi infrazione alla legge sulle lotterie potrebbe sfociare in una sentenza che prevede da sei mesi a due anni di detenzione. Nell’aprile 2006 la Commissione ha avviato una procedura d’infrazione nei confronti della Svezia che si riferisce alla prestazione e promozione di servizi nel settore delle scommesse sportive. Successivamente è avvenuto lo stesso anche per quanto riguardava i tornei di poker online e offline. Le risposte pervenute in questi anni dal governo svedese non sono state ritenute soddisfacenti in quanto la Svezia non ha mai indicato quali mezzi avrebbe adottato in futuro per garantire il rispetto del diritto comunitario, per questo recentemente la Commissione ha deciso di deferire lo stato membro alla Corte di Giustizia dell’unione europea.

PressGiochi