26 Settembre 2020 - 06:23

Giochi e pubblicità. L’UE approva la nuova legge della Grecia

Nonostante l’osservazione presentata da Malta, il progetto greco sulla “Regolamentazione in materia di comunicazione commerciale dei giochi d’azzardo” ha ottenuto ieri il via libero dalla Commissione europea. La decisione notificata

27 Gennaio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Nonostante l’osservazione presentata da Malta, il progetto greco sulla “Regolamentazione in materia di comunicazione commerciale dei giochi d’azzardo” ha ottenuto ieri il via libero dalla Commissione europea.

La decisione notificata dallo stato ellenico alla Ce si applica a tutte le azioni che riguardano la programmazione e la realizzazione di qualsiasi tipo di comunicazione commerciale relativa ai prodotti e ai servizi del gioco d’azzardo, al fine di garantire l’ordine sociale e tutelare il pubblico, in particolare i minori e i gruppi vulnerabili della popolazione, dalla dipendenza e dallo spreco di beni a causa dell’utilizzo irresponsabile dei giochi d’azzardo, nonché dai reati correlati a detti giochi.
La nuova regolamentazione prevede che qualsiasi comunicazione commerciale deve rientrare in un quadro rigido di tutela dei consumatori nel settore dei giochi d’azzardo e, in ogni caso, si impone che sia sobria e si limiti rigidamente a ciò che è necessario, affinché i consumatori siano indirizzati verso reti di gioco d’azzardo legali, e che promuova il gioco responsabile.

Lo scopo della comunicazione commerciale non deve essere quello di rafforzare la tendenza dei consumatori ai giochi, attraverso atti di incoraggiamento a partecipare a questi ultimi, rendendo, tra l’altro, banali i giochi o proponendone un’immagine positiva, in relazione al fatto che le entrate realizzate sono destinate ad attività di interesse generale, o ancora aumentando la forte attrazione verso i giochi con messaggi pubblicitari che presentano in modo fuorviante possibilità di vincite significative.

Grande attenzione è rivolta alla tutela dei minori. La Grecia ha stabilito di non autorizzare la comunicazione commerciale che: mira o in qualsiasi modo si rivolge ai minori e incoraggia la loro partecipazione ai giochi d’azzardo; fa riferimento a e/o contiene elementi tipici della mentalità, abitudini, comportamento dei minori e/o utilizza i loro codici di comunicazione; presenta i giochi come un’attività socialmente accettabile per il tempo libero dei minori; utilizza personaggi (veri o immaginari) che hanno o sembrano avere un’età inferiore a quella che la legge prevede come limite di età per la partecipazione ai giochi; è promossa prima, durante o subito dopo lo svolgimento e/o la trasmissione di eventi sportivi organizzati per i minori; prima, durante o subito dopo il programma di trasmissione radiotelevisiva rivolta ai minori; nelle sale cinematografiche prima, durante o subito dopo la proiezione di film rivolti ai minori.

PressGiochi