04 Marzo 2024 - 21:51

Francia: preoccupano le dimensioni dell’illegalità nell’offerta di giochi online

L’EGBA esorta la Francia a regolamentare il settore dei casinò online

05 Dicembre 2023

Print Friendly, PDF & Email

L’EGBA invita la Francia a regolamentare i casinò online di fronte alla preoccupazione del mercato illegale.

L’EGBA esorta le autorità francesi a regolamentare i giochi da casinò online di fronte ai dati pubblicati da un nuovo studio che suggerisce che il paese ha uno dei più grandi mercati neri del gioco d’azzardo online dell’UE.

La European Gaming and Betting Association (EGBA) esprime la sua preoccupazione per i risultati di un nuovo studio sulle dimensioni del mercato nero francese del gioco d’azzardo online. Lo studio, commissionato dall’autorità nazionale per il gioco d’azzardo l’Autorité Nationale des Jeux, stima che il mercato nero francese del gioco d’azzardo online valga fino a 1,5 miliardi di euro all’anno in entrate lorde di gioco (GGR), equivalenti a quasi la metà delle entrate francesi del gioco d’azzardo online regolamentato.

Ciò suggerisce che la Francia ha uno dei più grandi mercati neri del gioco d’azzardo online dell’UE e, per affrontare il problema, l’EGBA chiede alle autorità francesi di porre fine al divieto del paese sui giochi da casinò online. Sebbene la Francia sia uno dei mercati di gioco più importanti d’Europa, è uno dei soli due paesi dell’UE che vietano i giochi da casinò online, creando un mercato nero con tutti i rischi inerenti. Il nuovo studio, condotto da PwC, ha rilevato che i siti web che offrono giochi da casinò online contribuiscono in modo determinante al mercato nero online del paese e, insieme alle slot, rappresentano fino al 50% del traffico dei siti web del mercato nero francese.

Sebbene in Francia vi sia chiaramente una domanda per questi giochi, questi siti Web operano al di fuori delle leggi francesi e molti di essi minacciano la sicurezza dei giocatori francesi, che non hanno tutele minime, come l’autoesclusione.

Lo studio ha rilevato che circa 3 milioni di giocatori francesi utilizzano i siti web del mercato nero almeno una volta al mese. Ancora più preoccupante, lo studio ha anche stabilito che i giocatori ad alto rischio rappresentano il 79% del GGR generato da questi giocatori nel mercato nero, il che significa che i giocatori vulnerabili possono essere esposti a siti Web non sicuri e non regolamentati che non offrono loro protezioni per il gioco responsabile.

Per salvaguardare questi giocatori e promuovere un ambiente di gioco sicuro per tutti, l’EGBA esorta le autorità francesi a rivalutare il divieto esistente nel paese sui giochi da casinò online e, in linea con la regolamentazione francese già stabilita delle scommesse sportive online, ad adottare le misure necessarie per garantire che vi sia un ambiente sicuro e regolamentato anche per i giocatori di casinò online del Paese. Tale quadro normativo dovrebbe basarsi su un modello multi-licenza, in cui diversi operatori possono ottenere licenze business-to-customer, poiché questo è stato da tempo dimostrato come il metodo più efficace per ridurre i mercati illegali del gioco d’azzardo online.

“La portata del mercato nero online francese è allarmante, e crediamo che sia uno dei mercati illegali di gioco d’azzardo online più grandi dell’UE, insieme a Germania e Italia. Il divieto dei casinò online da parte del paese è chiaramente una parte importante del problema. Data la popolarità di casinò online e la necessità di proteggere i consumatori dai rischi del mercato nero, è imperativo che le autorità francesi rivalutino urgentemente il loro attuale divieto sui giochi da casinò online. Il divieto è controproducente e delude i consumatori. Con questo modello di licenza, la Francia potrebbe proteggere meglio i propri consumatori, riacquistare un maggiore controllo sul mercato del gioco online e garantire entrate fiscali vitali. Il modo migliore per affrontare un mercato illegale è creare un’alternativa competitiva con il mercato regolamentato. Il momento di agire è ora” ha dichiarato Maarten Haijer, Segretario generale, EGBA.