30 Maggio 2024 - 06:07

Francia, l’ANJ respinge i piani d’azione anti-GAP di sei aziende

L’Autorité Nationale des Jeux (ANJ) ha riscontrato quest’anno un netto miglioramento dei piani antiriciclaggio degli operatori di gioco d’azzardo. Tuttavia, non è stato in grado di dire la stessa cosa

03 Maggio 2023

Print Friendly, PDF & Email

L’Autorité Nationale des Jeux (ANJ) ha riscontrato quest’anno un netto miglioramento dei piani antiriciclaggio degli operatori di gioco d’azzardo. Tuttavia, non è stato in grado di dire la stessa cosa sui loro piani per prevenire il problema del gioco d’azzardo.

L’autorità francese di regolamentazione del gioco d’azzardo ha respinto sei dei piani presentati, affermando di aver riscontrato “pochi progressi significativi”. Ha valutato i piani di 235 ippodromi, 203 casinò e sette club di gioco.

Quelli respinti provenivano da cinque casinò e un club di gioco. Per i casinò, l’autorità di regolamentazione ha ribadito i commenti fatti lo scorso anno, insistendo affinché gli operatori facciano uso di strumenti di monitoraggio migliorando al contempo l’organizzazione interna, la formazione del personale e informazioni sul gioco d’azzardo più sicure. Ha affermato che ci sono stati “pochi progressi significativi o azioni innovative” nell’area e intende pubblicare una guida pratica per consigliare i casinò sull’identificazione e il supporto di potenziali giocatori problematici.

Sebbene tutti i piani d’azione presentati dalla Federazione nazionale delle corse ippiche siano stati approvati, l’ANJ si è lamentata del fatto che fossero “sostanzialmente identici” ai piani dell’anno scorso. Ha allertato gli ippodromi sulla necessità di operare una netta separazione tra spazi per le famiglie e spazi per le scommesse.

Il mese scorso, l’ANJ ha emesso avvertimenti e sanzioni pecuniarie nei confronti di sette operatori di scommesse sportive online per aver superato il limite del tasso di ritorno obbligatorio del giocatore (TRJ in francese) della Francia. Indagando sulle attività degli operatori nel 2021, ha scoperto che avevano violato le regole che vietano loro di ridistribuire più dell’85% della puntata di un giocatore a seguito del coinvolgimento del cliente. L’autorità di regolamentazione ha inviato i casi al suo comitato per le sanzioni, che ha convenuto che gli operatori avevano violato le condizioni della loro licenza.

 

PressGiochi