29 Settembre 2020 - 11:35

Firenze. Il Consiglio regionale approva il taglio dell’Irap per i locali no-slot, rincari per chi le mantiene

Irap più leggera agli esercenti che rinunceranno a tenere slot machine all’interno dei propri bar o locali. Questa la misura approvata oggi 17 dicembre dal Consiglio regionale all’unanimità. Come ha

17 Dicembre 2014

Print Friendly, PDF & Email

Irap più leggera agli esercenti che rinunceranno a tenere slot machine all’interno dei propri bar o locali. Questa la misura approvata oggi 17 dicembre dal Consiglio regionale all’unanimità.

Come ha sottolineato il consigliere regionale Enzo Brogi (Pd), primo firmatario della legge toscana, «all’interno della Finanziaria regionale 2015, di prossima approvazione, è prevista l’Irap più leggera per chi si unisce alla nostra battaglia: sarà infatti incrementata l’Irap dello 0,3% per coloro che mantengono le macchine slot ma sarà al contrario diminuita ulteriormente per quelli che se ne liberano, con un riduzione dello 0,5%».

La dipendenza da gioco d’azzardo, fra gli adulti e fra gli adolescenti, cresce costantemente anche in Toscana, così l’Assemblea di Palazzo Panciatichi ha tentato di correre ai ripari. Le nuove regole modificano, rafforzandole, le norme che vietano l’apertura di sale da gioco, e spazi in cui ci sono apparecchi che prevedono una vincita in denaro, nel raggio di 500 metri da luoghi considerati sensibili: come scuole o centri di aggregazione, specie giovanile.

PressGiochi