25 Giugno 2024 - 16:05

Euromat presenta il suo manifesto politico in vista delle elezioni UE

In vista delle imminenti elezioni europee di giugno, EUROMAT ha presentato oggi il suo manifesto politico, delineando le raccomandazioni strategiche rivolte al Parlamento europeo e alla Commissione europea che si

20 Maggio 2024

Print Friendly, PDF & Email

In vista delle imminenti elezioni europee di giugno, EUROMAT ha presentato oggi il suo manifesto politico, delineando le raccomandazioni strategiche rivolte al Parlamento europeo e alla Commissione europea che si insedieranno nel corso di quest’anno.

Le raccomandazioni contenute nel documento di EUROMAT enfatizzano l’importanza di preservare una concorrenza leale tra le offerte pubbliche e private per garantire un mercato efficiente. È cruciale, secondo l’associazione, che le istituzioni dell’UE proteggano il mercato unico e applichino il diritto comunitario, assicurando che la libertà legislativa degli Stati membri sia conforme alle norme del mercato unico, tutelate dalla Commissione europea.

Un altro punto focale del manifesto riguarda la lotta contro il gioco d’azzardo illegale, considerata una priorità da EUROMAT. Il gioco d’azzardo illegale non solo mette a rischio la sicurezza dei giocatori, ma riduce anche le entrate pubbliche. Inoltre, EUROMAT sottolinea l’importanza di proteggere la capacità degli operatori legali e dei produttori di condurre affari. Negli ultimi anni, questa capacità è stata messa sotto pressione dalle banche, che hanno ritirato i servizi bancari di base dagli operatori. L’associazione chiede dunque che l’accesso a questi servizi sia garantito per legge, proteggendo così gli operatori dalle decisioni arbitrarie delle banche.

Un altro aspetto critico sollevato da EUROMAT riguarda le regole di pagamento. Nonostante la crescente diffusione di opzioni di pagamento non in contanti in altri ambienti di vendita al dettaglio e di svago, il mercato di strada è frenato da una regolamentazione poco chiara o proibitiva che impedisce al settore di allinearsi con le tendenze di consumo più ampie. EUROMAT invita le autorità di regolamentazione a collaborare con l’industria per offrire ai giocatori opzioni di pagamento complementari al contante.

Il manifesto accoglie con favore la recente revisione della direttiva antiriciclaggio, che ha portato all’introduzione del nuovo regolamento antiriciclaggio (AMLR). EUROMAT sottolinea l’importanza di mantenere un approccio basato sul rischio e chiede agli Stati membri di sfruttare la flessibilità prevista dalla normativa per escludere i settori a basso rischio dagli obblighi di dovuta diligenza, garantendo una legislazione proporzionata e mirata.

Infine, EUROMAT sostiene che le misure di protezione dei giocatori dovrebbero essere proporzionate. Le soluzioni invasive della privacy, come le carte dei giocatori, comportano livelli sproporzionati di raccolta dati che non sono necessari per proteggere i giocatori e sono inadeguati in un’era in cui la privacy fin dalla progettazione dovrebbe essere un principio rispettato da tutte le aziende.

Il presidente di EUROMAT, Jason Frost, ha espresso chiaramente la posizione dell’associazione: “Se si considerano molte delle questioni che stanno a cuore al nostro settore, stiamo subendo un trattamento ingiusto, sia nelle opzioni di pagamento che possiamo offrire ai giocatori, nella concorrenza da parte di canali illegali, nelle modalità preferenziali di trattamento in alcune normative per le offerte di giochi d’azzardo di proprietà pubblica o l’accesso ai servizi bancari di base. Veniamo trattati diversamente ma molto spesso senza giustificazione. Il fatto è che il nostro è un settore economico altamente regolamentato e tassato, il che merita un trattamento equo. Questo è il messaggio che intendo portare alla nuova Commissione e al Parlamento entro la fine dell’anno”.

EUROMAT spera che queste raccomandazioni vengano considerate attentamente dalle istituzioni europee per garantire un futuro più equo e sostenibile per il settore del gioco d’azzardo legale e regolamentato.

PressGiochi

Fonte immagine: https://it.depositphotos.com