13 Agosto 2020 - 05:28

Eurispes e Bingo. Faggiani (Anci): “Ripartire dall’intesa Stato Regioni”

“E’ necessario un provvedimento che riordini tutta la materia del gioco pubblico, un codice attraverso il quale riordinare e ridurre tutto il settore del gioco pubblico. Anche attraverso un maggior

09 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

“E’ necessario un provvedimento che riordini tutta la materia del gioco pubblico, un codice attraverso il quale riordinare e ridurre tutto il settore del gioco pubblico. Anche attraverso un maggior controllo dell’illegalità, con un maggior contributo anche da parte del settore. Serve intervenire – afferma Domenico Faggiani di Anci durante la presentazione della ricerca dell’Eurispes dal titolo ‘Il Bingo nella crisi del gioco legale in Italia: rischi e prospettive dell’offerta più “social” della galassia gioco’ – con maggior contributi per combattere le dipendenze di gioco, sostanze e alcol, e assegnando anche una quota di risorse ai comuni affinché siano messi nelle condizioni di intervenire contro il disturbo del gioco d’azzardo patologico nella maniera più efficace, anche sul fronte dei controlli.

Bene l’istituzione del Comitato creato la scorsa settimana tra ADM e forze dell’ordine contro l’illegalità. Il Comitato dovrebbe avvalersi di associazioni e istituti come l’Anci per questo lavoro di controllo.

Questo riordino va fatto in tempi rapidissimi. Non dobbiamo ripartire da zero, ma dall’intesa sottoscritta tra Stato e Regioni nel 2017.

Intesa alla quale le Regioni non hanno dato conto. Da lì dobbiamo ripartire.

Oggi la filiera ha compreso l’importanza di quell’intesa e questo mi fa piacere.

Non sono mai stato un sostenitore del distanziometro, le norme per tutelare il giocatore dai rischi di dipendenza ci sono e sono altre”.

 

PressGiochi

Bizzarri (ADM): “Il tema della riduzione dell’offerta e delle restrizioni locali travalica la possibilità di intervento dell’Agenzia”

Eurispes: il Bingo tra crisi del gioco legale e Covid19