23 Giugno 2024 - 02:54

DEF all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri

Si sta tenendo in queste ore il Consiglio dei ministri, chiamato a dare il via libera anche al Documento di economia e finanza, l’ultimo prima della revisione delle regole di

09 Aprile 2024

Print Friendly, PDF & Email

Si sta tenendo in queste ore il Consiglio dei ministri, chiamato a dare il via libera anche al Documento di economia e finanza, l’ultimo prima della revisione delle regole di governance economica Ue, che si limiterà ai dati di bilancio tendenziali, senza scoprire le carte su quelli di programma.

Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha espresso preoccupazione per il peso ereditato dai bonus edilizi, definendolo “una grave eredità”. Tuttavia, ha escluso l’ipotesi di una manovra correttiva immediata, preferendo mantenere gli obiettivi fissati nel precedente Documento di economia e finanza.

Secondo il Documento di Economia e Finanza attualmente in discussione, si prevede una crescita dell’0,9% nel 2024 e dell’1,5% nel 2025, mentre Bankitalia punta su un incremento più modesto dello 0,6% del Prodotto Interno Lordo. Il deficit è previsto raggiungere l’8% dopo l’incremento del 2023, con un debito pubblico intorno al 140%. Giorgetti ha indicato che questo Documento “leggero” servirà a esplorare meglio le nuove regole europee, attendendo ulteriori istruzioni sulla nuova governance.

Con il 2025 si avvicina la necessità di trovare finanziamenti per il taglio del cuneo fiscale e l’Irpef a tre aliquote, con un costo complessivo di circa 15 miliardi. Si auspica un aumento della crescita economica, con l’aiuto fondamentale dei finanziamenti europei del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. È possibile che venga considerata una revisione delle politiche strutturali nell’ambito del piano per ridurre il debito pubblico e utilizzare gli aiuti europei.

Potrebbe essere presa in considerazione la possibilità di rivedere il settore dei giochi d’azzardo come fonte di finanziamento, dato che è oggetto di una riforma strutturale sia per il gioco online che per quello fisico, e attende anche una revisione del sistema fiscale.

PressGiochi

×