25 Giugno 2024 - 18:38

De Bertoldi (FdI): “Da parte del settore giochi serve più coraggio, siete i titolari di un’arma fortissima, il preu”

“Sono anni che mi occupo del tema dei giochi anche durante il periodo del Covid ho partecipato a tanti incontri ma vedo che le riflessioni sono sempre le stesse da

08 Maggio 2024

Print Friendly, PDF & Email

“Sono anni che mi occupo del tema dei giochi anche durante il periodo del Covid ho partecipato a tanti incontri ma vedo che le riflessioni sono sempre le stesse da parte di chi conosce bene il settore. Il problema è la politica: non nel posizionamento ideologico, ma nel populismo che ha contagiato tutta la politica che guarda ad un tema non valutandolo oggettivamente ma in vista elettorale. Dovremmo tutti essere in grado di superare questo. Il ruolo degli operatori dovrebbe essere più forte, serve più coraggio.

Presto dovremo affrontare il tema del rinnovo delle concessioni di gioco fisico. Da parte del settore dovrà esserci una proposta altrimenti si rischia di perdere tutta l’offerta. Il giocatore va inteso come una persona che vuole intrattenersi, quello deve essere il punto di riferimento. Gli operatori vanno sempre più coinvolti e bisogna quindi andare oltre. Dovete avere coraggio perché siete i titolari di un’arma fortissima che è il preu senza il quale lo Stato non può fare tante cose.

Il preu oggi arriva nelle casse dello stato, forse coinvolgendo gli enti locali nella gestione del Preu sarà più facile aiutarli nella gestione dell’offerta sul territorio.

Dovere pretendere la correttezza che vi spetta, sia sul tema bancario che del riordino”.

Lo ha dichiarato l’onorevole Andrea De Bertoldi intervenendo al seminario pubblico organizzato dall’Istituto per la Competitività (I-Com) con il supporto di IGT, dal titolo “Il settore dei giochi e i nodi regolatori. Il riordino del territorio”.

PressGiochi