20 Maggio 2024 - 02:13

Competizioni videoludiche, la Comm. Giustizia approva il parere; attenzionata proposta che estende il divieto di scommettere agli organizzatori di competizioni

La Commissione giustizia del Senato ha approvato il proprio parere sul ddl a firma MARTI e altri recante la regolamentazione delle competizioni videoludiche. Il presidente della commissione ha evidenziato come

18 Aprile 2024

Print Friendly, PDF & Email

La Commissione giustizia del Senato ha approvato il proprio parere sul ddl a firma MARTI e altri recante la regolamentazione delle competizioni videoludiche.

Il presidente della commissione ha evidenziato come siano di interesse rispetto alle competenze della Commissione le seguenti proposte: emendamenti riferiti all’articolo 4, che introduce specifiche disposizioni a salvaguardia dei minori: emendamenti 4.1 e 4.2 (che incrementano il limite di età al di sotto del quale non è consentita ai minori la partecipazione a competizioni videoludiche); emendamento 4.3 (che elimina il riferimento al valore massimo dei premi previsto per le competizioni a cui partecipano i minori con più di sedici anni); emendamento 4.4 (che pone il divieto di profilazione e scambio di informazioni tra giocatori nel caso di competizioni a cui partecipano i minori con più di sedici anni); emendamenti 4.5, 4.6 e 4.8 (che introducono specifici divieti ed obblighi per gli editori videoludici); emendamento 5.2, riferito all’Ufficio competente all’adozione del provvedimento di inibizione alla partecipazione a competizioni videoludiche di cui all’articolo 5, comma 5, diretto a uniformare la denominazione all’interno del disegno di legge, come suggerito nella relazione sul testo svolta in Commissione giustizia nella seduta del 3 aprile; emendamento 10.1 che estende il divieto di scommettere, anche per il tramite di terze persone, anche agli organizzatori che abbiano partecipato ad almeno due competizioni videoludiche; emendamento 10.2 che individua un organo di giustizia ad hoc istituito presso il CONI per le inibitorie e le questioni relative alle competizioni videoludiche; emendamento 10.3 che introduce una sanzione amministrativa da 10.000 a 100.000 euro per chiunque promuove il gioco d’azzardo anche in via indiretta ed emendamento 10.0.1 che estende il divieto di pubblicità di gioco d’azzardo anche agli editori videoludici; emendamenti 12.1, 12.2, 12.3 e 12.4 che intervengono direttamente sulle sanzioni previste per le violazioni dei divieti relativi alla mancanza di registrazione dell’editore videoludico ovvero relativo alla partecipazione di minori alle competizioni videoludiche; emendamento 12.5 che aggiunge alle sanzioni previste per la violazione dei divieti introdotti dal disegno di legge anche l’inibizione alla partecipazione a competizioni videoludiche per un anno.

 

La Commissione ha quindi rinviato l’espressione del parere sugli emendamenti.

PressGiochi