18 Giugno 2024 - 00:33

Flutter, come è cambiato il gioco delle scommesse sportive

Mentre gli appassionati di basket statunitensi, freschi di un’altra memorabile March Madness, guardano avanti con entusiasmo all’inizio dei playoff NBA questa settimana, coloro che intendono organizzare un Same Game Parlay

22 Aprile 2024

Print Friendly, PDF & Email

Mentre gli appassionati di basket statunitensi, freschi di un’altra memorabile March Madness, guardano avanti con entusiasmo all’inizio dei playoff NBA questa settimana, coloro che intendono organizzare un Same Game Parlay potrebbero essere interessati a conoscere la storia interna di come le squadre di Flutter hanno creato il loro gioco preferito. 

Tutto risale al giugno 2014, quando “Coxy85” – un assiduo collaboratore di un popolare forum di scommesse australiano – ha posto una domanda al gruppo. “Qualcuno può spiegare perché non è possibile posizionare un multi sullo stesso evento?” ha chiesto, frustrato dall’incapacità di selezionare, combinare e scommettere su diversi risultati di una singola partita. “Buona domanda”, ha risposto un altro membro. “Se invii un’e-mail a Sportsbet, potrebbero accettarla.”

Un messaggio è presto arrivato a John Maguire, responsabile delle soluzioni di trading per uno dei più grandi bookmaker del paese, che era abituato a sentire quella che era diventata una richiesta comune da parte dei clienti. All’epoca, Sportsbet era il marchio emergente di Paddy Power in Australia e John, un irlandese ora membro di FanDuel, si era appena trasferito per unirsi al suo team di rischio e trading a Melbourne, dove era concentrato sull’aggiunta di talenti cruciali nell’analisi dei dati e nella modellazione quantitativa da prendere in considerazione. al livello successivo.

“Eravamo un’unica squadra con molta autonomia, ma eravamo sicuramente visti come il fratello minore”, spiega John. Un incontro casuale in ufficio tra John e un dirigente senior che aveva viaggiato da Dublino ha cambiato tutto ciò. “Dipendiamo da altri team per fornire il prodotto, ma dopo un momento di scorrevolezza, ci siamo resi conto che potevamo utilizzare un approccio che il team quantitativo di Paddy Power aveva sviluppato e che stava utilizzando per un altro sport.”

Il team di Paddy Power Quants era leader del settore nelle simulazioni di modelli sportivi e aveva sviluppato un modello che consentiva di eseguire simulazioni di prezzi all’interno del modello anziché semplici probabilità di eventi. Sebbene entrambi i team avessero trovato una soluzione per la sfida “Same Game”, questa collaborazione tra marchi – un primo esempio di Flutter Edge – ha permesso al team di John di “unire i punti per risolvere un problema che ci stava fissando in faccia da anni”.

 

PressGiochi