13 Giugno 2024 - 09:10

Codere consolida la sua posizione in Veneto: DP Service confluisce in Codwin

In data 1° luglio è divenuta operativa la fusione per incorporazione di DP Service, storica società di gestione di apparecchi da intrattenimento della famiglia Dalla Pria, in Codwin, società nata

10 Luglio 2023

Print Friendly, PDF & Email

In data 1° luglio è divenuta operativa la fusione per incorporazione di DP Service, storica società di gestione di apparecchi da intrattenimento della famiglia Dalla Pria, in Codwin, società nata nel 2020 dalla fusione per incorporazione di FG Slot in Gap Games. “Con Codwin ci prepariamo ad affrontare i nuovi bandi, i grandi investimenti e i cambiamenti che questi sicuramente comporteranno, pronti a coglierne le opportunità” – queste le parole di Claudio Dalla Pria.

Entrambe le società sono partecipate a maggioranza da Codere Italia S.p.A.

Codwin, nel suo nuovo asset, al fine di consentire una gestione delle attività efficace ed efficiente potrà contare sulla professionalità e le capacità di due Co-Amministratori: Andrea Rigodanzo e Pierangelo Berdin che, forti della loro esperienza nel settore saranno in grado di affrontare al meglio le complessità e le future sfide del Mercato

Andrea Rigodanzo, spiega così le finalità dell’operazione – “Dopo un duro periodo dovuto alla pandemia da Covid19 e con il perdurare di normative scomposte che mettono a dura prova il comparto, abbiamo deciso di consolidare la nostra posizione facendo nascere la più grande realtà veneta nella gestione degli apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro. Codwin, grazie ai suoi associati, è presente inoltre in Lombardia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Lazio ”.

Il mercato degli apparecchi da intrattenimento, secondo i dati del Libro Blu 2021 pubblicati da ADM, Agenzia Dogane e Monopoli, rappresenta ancora circa il 50% del mercato totale del gioco legale.

Il periodo della pandemia, con una sospensione delle attività che varia, nel biennio 2020 – 2021, da un minimo di 317 a un massimo di 344 giorni (dati CGIA Mestre), le normative regionali legate ai distanziometri e quelle locali che hanno enormemente inciso sugli orari di apertura, unitamente alla concorrenza del gioco on line, hanno sicuramente segnato negativamente le attività commerciali dei gestori di apparecchi da intrattenimento.

“Codwin è nata per offrire un modello di integrazione gestionale e di efficienza che rappresenta un incubatore anche per altre realtà che vogliano continuare ad operare a lungo termine e implementare una strategia condivisa che gli consenta di affrontare il futuro con ottimismo” dichiara Pierangelo Berdin.

A sostenere le scelte compiute a livello societario e a chiarire la posizione di Codere in Italia interviene Alejandro Pascual Gonzalez, Regional Manager Europe e COO Italia di Codere.

“Siamo in un momento cruciale, finalmente vediamo all’orizzonte il tanto agognato riordino del Settore, una misura fondamentale per consentire di operare scelte imprenditoriali di lungo termine. La figura del gestore è imprescindibile in un mercato come quello attuale ma, con le opportune trasformazioni, resta un elemento cruciale anche nel mercato di domani. Il rapporto col Territorio, la relazione con l’esercente e la conoscenza dei prodotti non sono aspetti trascurabili. Attraverso le operazioni societarie che stiamo conducendo da qualche anno intendiamo realizzare uno strumento di gestione snello, veloce, capace di rispondere al meglio alle esigenze del Mercato”.

PressGiochi