25 Settembre 2020 - 06:20

Ce. Chiuse procedure di infrazione sul gioco d’azzardo contro Germania, Austria, Danimarca e Ungheria

La Commissione europea ha chiuso due procedure d’infrazione contro la Germania in termini di gioco d’azzardo. Il presidente della Lotteria Nazionale Toto-Lotto GmbH Marion Caspers-Merk ha dichiarato che questa decisione

10 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

La Commissione europea ha chiuso due procedure d’infrazione contro la Germania in termini di gioco d’azzardo. Il presidente della Lotteria Nazionale Toto-Lotto GmbH Marion Caspers-Merk ha dichiarato che questa decisione rafforza il modello tedesco: “Questo significa che le norme nazionali sono compatibili e coerenti con il diritto europeo”.
“Accogliamo con grande favore la decisione della Commissione europea di concludere la procedura di infrazione contro la Germania”, ha detto Marion Caspers-Merk. “Il gioco d’azzardo non è solo una merce qualsiasi, ma è un servizio connesso con rischi particolari. Pertanto, la regolamentazione è necessaria, ma deve essere effettivamente applicata”.

Caspers-Merk ha ricordato che la stessa Corte di giustizia europea ha recentemente stabilito che gli Stati nazionali devono regolamentare in maniera autonoma il settore del gioco d’azzardo. “Disposizioni nazionali sono compatibili quindi con il diritto europeo. Considero questa una chiara conferma del Trattato di Stato che ha modificato il settore del gioco. Ora i suoi requisiti devono essere attuati in maniera completa e questo permetterà di ridurre la diffusione del gioco in maniera incontrollata, a tutto vantaggio della tutela del giocatore. Il problema- ha concluso il presidente della lotteria – in Germania non è il trattato di Stato il problema, ma la lenta attuazione dei suoi obiettivi”.
La Commissione europea ha annunciato di avere concluso anche le procedure di infrazioni attinenti al gaming dell’Austria, Danimarca e Ungheria.

PressGiochi