27 Novembre 2022 - 02:52

Caso Stanleybet. Agnello: “Non esiste un provvedimento di sequestro preventivo dei centri Stanleybet di tutta Italia”

Dopo il primo commento rilasciato dalla società Stanleybet in merito ad un presunto decreto di sequestro preventivo di marchi e insegne del Gip di Catanzaro, lo studio legale Agnello torna

07 Novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Dopo il primo commento rilasciato dalla società Stanleybet in merito ad un presunto decreto di sequestro preventivo di marchi e insegne del Gip di Catanzaro, lo studio legale Agnello torna ad intervenire a difesa della società.

“Quale difensore di fiducia della società Stanleybet Malta LTD,- commenta l’avv. Daniela Agnello – in relazione alla notizia stampa dal titolo “sequestrati i centri scommesse di Stanleybet in tutta Italia”, la società mi ha conferito incarico di chiedere la pubblicazione della seguente rettifica.

Non esiste un provvedimento di sequestro preventivo dei centri Stanleybet di tutta Italia.

Al momento, la mia cliente ha appreso l’esistenza di provvedimenti, di indagini, di relazioni di ADM solo dalle diverse testate giornalistiche che riportano un comunicato diffuso ai giornalisti ancor prima di essere notificato alla parte indagata e consentirne i rimedi giurisdizionali.

La società, mio tramite, continua a manifestare

a) un profondo stupore per non aver avuto ancora la notifica e la diretta conoscenza del provvedimento. Tale ritardo non consente l’avvio delle impugnazioni previste dalla legge con violazione del diritto di difesa;

b) un immenso disorientamento per un decreto emesso dal Gip di Catanzaro, che non tiene conto del “caso Stanleybet” “sanato dalla giurisprudenza” quale “eccezione alla regola con attivita lecita e regolare”, come definito dalle sentenze emesse negli ultimi vent’anni, in sede penale e amministrativa. E come statuito dai plurimi provvedimenti anche dei giudici di Catanzaro (Ufficio Gip, tribunale del riesame, Tribunale monocratico, Corte di Appello) che sono gia intervenuti anche recentemente in materia, dissequestrando i centri per disapplicazione della sanzione penale e prevalenza dei principi euro unitari o assolvendo i titolari perche il fatto non sussiste;

c) un assoluto dissenso dalle dichiarazioni rese dai funzionari ADM, che dopo 20 anni di procedimenti in sede penale, amministrativa e civile (ove l’amministrazione e parte in causa o soggetto informato dei fatti), continuano inesorabilmente a sostenere la tesi che Stanleybet non ha partecipato alle gare e opera in Italia in violazione di legge. Tesi puntualmente smentita da migliaia di provvedimenti emessi dall’autorità giudiziaria italiana in sede penale, ben conosciuti da ADM, che riconoscono l’attività di Stanleybet lecita e legittima, trasparente ed esente da censure.

La società, che ha già subito dalla Procura di Roma un procedimento con contestazione del medesimo reato, con ADM persona informata dei fatti, censurato dalla Corte di Cassazione e poi archiviato, mio tramite, resta in attesa di ricevere le formali notifiche e rinnova la piena fiducia nell’autorità giudiziaria italiana”.

PressGiochi

×