04 Marzo 2024 - 22:49

Cangianelli (EGP-Fipe): “Formazione esercenti e Registro autoesclusione dovranno essere al centro della lotta al gioco patologico”

“Sosteniamo un riordino integrato di tutti i canali distributivi e dei diversi prodotti di gioco dopo molti anni dalla prima regolamentazione. L’offerta di giochi pubblici deve essere pienamente competitiva contro

13 Dicembre 2023

Print Friendly, PDF & Email

“Sosteniamo un riordino integrato di tutti i canali distributivi e dei diversi prodotti di gioco dopo molti anni dalla prima regolamentazione. L’offerta di giochi pubblici deve essere pienamente competitiva contro la concorrenza illegale. Serve quindi un’accessibilità delle concessioni a distanza che abbia oneri concessori proporzionati e in continuità con quanto già è oggi, altrimenti impatterebbe come impatta in alcuni aspetti non regolati sul fisico. Collegato a questo c’è la questione dei servizi di pagamento per i giochi online che sono un fenomeno legato alle scelte dei consumatori.

Il riordino integrato è urgente anche per il superamento delle sterili misure che oggi ci sono per la lotta contro il gioco patologico. I distanziometri e gli orari solo su alcuni prodotti hanno chiaramente dimostrato di non funzionare, mentre sono già al centro della delega, strumenti come la formazione degli esercenti o il registro di autoesclusione dei giocatori che possono dare un contributo molto più efficace alla lotta alle dipendenze”.

Lo ha dichiarato Emmanuele Cangianelli di EGP-Fipe partecipando al convegno alla Camera dei Deputati dal titolo GIOCO: UN SOLO MERCATO, UN SOLO RIORDINO.