25 Giugno 2024 - 16:52

Brasile: gli scommettitori dovranno affrontare un’imposta del 15% sulle vincite

Una nuova ordinanza normativa in Brasile ha confermato una tassa del 15% sulle vincite dei giocatori superiori a 2.824 BRL (437,77 £/508,05 €/547,25 $).

10 Maggio 2024

Print Friendly, PDF & Email

Nei giorni scorsi la Segreteria Speciale delle Entrate Federali del Ministero delle Finanze ha pubblicato l’ordinanza normativa n. 2.191 nel Diario Ufficiale dell’Unione, delineando il quadro fiscale per le scommesse in Brasile dopo la conferma da parte del Federal Revenue Service (RFB) di imporre un’imposta sul reddito personale (IRPF) sulle scommesse.

Il Brasile sta chiarendo le proprie leggi sulle scommesse, con l’approvazione, il 21 dicembre, di una legislazione per regolamentare le scommesse sportive e l’igaming. Il presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha convertito in legge il disegno di legge 3.626/2023 alla fine di dicembre.

L’imposta sul reddito personale sarà del 15%, come stabilito dalla Commissione per gli affari economici a novembre, ma si applicherà solo alle vincite nette superiori a 2.824 BRL. L’imposta sarà trattenuta all’atto del pagamento delle vincite e sarà tassata alla fonte prima che il giocatore le riceva, con l’operatore delle scommesse responsabile del calcolo e della riscossione dei contributi fiscali.

Il premio netto sarà la differenza tra il valore della vincita e l’importo scommesso dopo ogni evento sportivo o sessione di igaming, con le perdite non deducibili. Inoltre, è previsto un congresso nazionale per discutere dei veti presidenziali.

Il 9 aprile si terrà una sessione del congresso nazionale del Brasile per discutere 34 veti del presidente Lula. Tra questi, il 24° punto all’ordine del giorno riguarda la tassa sui giocatori nel paese. Lula aveva precedentemente posto il veto a una proposta che avrebbe esentato dall’imposta sul reddito le vincite dei giocatori inferiori a 2.112 BRL. Complessivamente, Lula ha posto il veto su sei articoli del disegno di legge 3.626/2023, di cui tre riguardano la tassazione sugli scommettitori. Affinché i veti vengano respinti e quindi i punti siano approvati, saranno necessari almeno 257 voti da parte dei deputati e 41 da parte dei senatori. Al contrario, per mantenere in vigore i veti, è sufficiente che anche solo uno di essi non venga rispettato.

In sintesi, l’Istituto brasiliano di gioco responsabile (IBJR) critica le tasse sulle vincite dei giocatori, sostenendo che queste misure danneggiano il settore del gioco d’azzardo brasiliano. L’IBJR ritiene che la tassazione separata delle vincite senza la possibilità di compensare le perdite sia dannosa e legalmente discutibile. Questo perché tale normativa potrebbe portare alla tassazione di giocatori che non hanno realizzato profitti effettivi, indebolendo così la sua costituzionalità e danneggiando i consumatori. L’IBJR sostiene che questa normativa minacci il lavoro di regolamentazione svolto dal congresso nazionale e dalla Segreteria Premi e Scommesse MF, e che l’obiettivo della regolamentazione dovrebbe essere quello di incoraggiare comportamenti positivi sia da parte degli operatori che degli scommettitori, inclusa la partecipazione alla riscossione delle imposte.

Il Brasile sta attualmente procedendo con l’implementazione della regolamentazione delle scommesse attraverso quattro fasi. Questo processo è stato avviato dopo la nomina dell’avvocato Regis Dudena a responsabile della politica di regolamentazione della Segreteria Premi e Scommesse (SPA) nel mese di aprile. Le ordinanze già pubblicate includono l’ordinanza normativa n. 615, la quale vieta agli operatori di accettare pagamenti tramite carte di credito o criptovalute. Allo stesso tempo, l’ordinanza normativa n. 722 ha delineato delle eccezioni per i data center situati al di fuori del Brasile, in particolare nei paesi che hanno stipulato accordi di cooperazione legale internazionale con il Brasile. Si prevede che il Brasile annunci integralmente la propria regolamentazione entro la fine di luglio. Le regole riguardanti i requisiti pubblicitari e l’igaming saranno implementate nella terza fase del processo di lancio. La quarta e ultima fase si concentrerà sulle modalità attraverso cui i contributi dell’industria verranno destinati a cause socialmente responsabili.

 

PressGiochi