27 Settembre 2020 - 09:24

Borin (Idv): “A Baretta ribadiamo importanza contrasto al gioco d’azzardo”

Il movimento delle organizzazioni non profit contro il gioco d’azzardo ha ribadito al sottosegretario all’economia Baretta, che ha la competenza sulla delega fiscale, in vista del decreto in esame il

20 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il movimento delle organizzazioni non profit contro il gioco d’azzardo ha ribadito al sottosegretario all’economia Baretta, che ha la competenza sulla delega fiscale, in vista del decreto in esame il 20 febbraio dal Consiglio dei Ministri, l’importanza di contrastare il dilagare del gioco d’azzardo, e quindi di aspettare con fiducia la prevista normativa di riordino del settore dei giochi che può diventare veramente una riforma in grado di cambiare completamente il sistema del gioco pubblico in Italia. Lo ha dichiarato Alberto Borin Responsabile IdV per il Terzo Settore.
“Da apprezzare – ha continuato Borin -la disponibilità del sottosegretario ad ascoltare la voce delle organizzazioni non profit e di approfondire temi molto delicati quali ad esempio:
– il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo – oggetto dell’articolo 14 della legge Delega fiscale ñ in particolare per fumo e alcool, anche se su questo tema in sede europea non sembra ancora esserci la stessa sensibilità;
– la tassazione sul ricavo netto;
– il rapporto tra normativa nazionale e regolamentazioni locali;
– le regole più stringenti riguardo le slot e la loro dislocazione con l’obiettivo di una diminuzione di circa 100mila macchinette.
Le organizzazioni no profit non vogliono arretrare su questo fronte, considerando che dopo anni di regolamentazione praticamente assente, che ha portato ad un’offerta e pubblicizzazione del gioco d’azzardo fuori controllo ed esasperata, creando disagio e oneri sociali altissimi di cui solo ora emergono i segni più visibili, finalmente sembra esserci la volontà di razionalizzare e contrastare questo fenomeno. Ovviamente su questa battaglia l’Italia dei Valori era e sarà sempre in prima linea a fianco delle organizzazioni non profit e stimolando adeguatamente Governo e Parlamento ad intervenire”.

 

PressGiochi