30 Settembre 2020 - 21:53

Bieńkowska (Comm. Ue): “Grande attenzione della Commissione su mercato digitale e gioco”

Il Commissario al Mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le piccole e medie imprese Elżbieta Bieńkowska ha risposto all’interrogazione dell’europarlamentare Knut Fleckenstein (S&D) relativamente all’attuazione del trattato

03 Marzo 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il Commissario al Mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le piccole e medie imprese Elżbieta Bieńkowska ha risposto all’interrogazione dell’europarlamentare Knut Fleckenstein (S&D) relativamente all’attuazione del trattato interstatale tedesco sul gioco.

“Come detto in precedenza, – ha dichiarato il commissario Bieńkowska – la Commissione continuerà a monitorare i progressi dell’applicazione del Trattato di Stato in Germania. L’adozione di misure successive dipenderanno dall’esito della valutazione in corso sulle leggi dello Stato relative al gioco d’azzardo, una parte delle quali è relativa alla valutazione dell’applicazione del quadro legislativo nel corso di quest’anno. La Commissione sta dialogando con le autorità tedesche.
Negli ultimi due anni, la CE si è concentrata sulla realizzazione di numerose iniziative legate al tema del gioco, come ad esempio la raccomandazione adottata nel luglio 2014, che stabilisce una serie di principi, con l’obiettivo di tutelare i consumatori e i giocatori così come quello di evitare che i bambini accedano al gioco d’azzardo on-line. Inoltre, la Commissione ha partecipato attivamente, a nome dell’Unione europea, ai negoziati della convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione delle gare sportive. La Commissione ha inoltre proposto di estendere le norme antiriciclaggio dell’Unione europea – attualmente in vigore solo sui casinò – a tutte le forme di gioco d’azzardo.

Inoltre,- ha concluso il commissario – e come annunciato dal Presidente Juncker, la Commissione concentrerà la sua attenzione su dieci priorità politiche, compreso il mercato unico digitale e, in particolare, la necessità di tutelare ulteriormente i consumatori dell’UE nel cyberspazio”.

PressGiochi