18 Giugno 2024 - 00:39

Agcai al Senato contro la riduzione delle slot nei bar

Si terrà oggi a Roma presso il Senato della Repubblica, Sala caduti di Nassirya un convegno dal titolo ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’. L’evento è

15 Aprile 2024

Print Friendly, PDF & Email

Si terrà oggi a Roma presso il Senato della Repubblica, Sala caduti di Nassirya un convegno dal titolo ‘Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco’. L’evento è supportato dal senatore Luigi Nave del M5S, su iniziativa dell’Associazione Gestori e Costruttori Apparecchi da Intrattenimento guidata da Benedetto Palese. Saranno presenti il senatore del M5S Gianni Levi e il presidente nazionale sociologi Pietro Zocconali.

AGCAI si rivolge alle Regioni ed agli Enti Locali per illustrare alcune proposte finalizzate ad impedire al Governo di aprire 5000 nuove sale in centro città e di relegare tutto il gioco in questi luoghi di gioco specializzati che sono dei veri e propri Mini-casinò letali per i giocatori.

Le nostre proposte per un riordino del gioco pubblico sostenibile per la salute pubblica del nostro paese sono le seguenti:

  1. RIDUZIONE AWP E VLT NELLE SALE E NEI BAR

E’ inammissibile creare dei veri e propri casinò in ogni angolo di strada. Il progetto del Governo prevede l’eliminazione del gioco nei locali pubblici e la concentrazione del gioco in questi luoghi altamente lussuosi e specializzati avrà conseguenze devastanti per i malcapitati costretti a recarsi in questi luoghi.

La previsione di sale da gioco con metrature enormi, di lusso, con bar e ristoranti all’interno e decine e decine di apparecchi giova solo a poche multinazionali, spesso proprietarie di Casinò in tutto il mondo e capaci di investire in questi luoghi altamente pericolosi. La nostra proposta è il ritorno al contingentamento del 2004 con il dimezzamento del numero massimo di awp nei locali pubblici da un massimo di 8 ad un massimo di 4 e ad un ridimensionamento anche del numero massimo di apparecchi nelle Sale VLT. I giocatori nelle sale da gioco si ritrovano in un contesto immersivo e spesso malavitoso in cui perdono qualsiasi contatto con la realtà e con elementi di dissuasione dal gioco.

  1. RIDUZIONE DELLE PUNTATE MASSIME E DELLE PERDITE DEL GIOCATORE

Non si può proteggere il giocatore ma puntare ad aumentare il gettito.

Il progetto del Governo mira a ridurre le AWP dai luoghi pubblici e ad indirizzare tutti i giocatori verso le VLT presenti nelle sale, e quindi a portarli verso gli apparecchi dove é possibile perdere 10 volte di più nello stesso arco temporale. Le VLT infatti non esistono in messun paese d’Europa per quanto esse siano pericolose.

Per proteggere il giocatore bisogna impedirgli di perdere oltre una certa somma in un certo arco temporale. E’ possibile mettere un limite tecnicamente alla perdita del giocatore riducendo la puntata massima che al momento é di “1 euro per le AWP da bar” e di ben “10 euro per le VLT da sala”. Inoltre occorre aumentare la percentuale di vincita portandola all’85/90%, in modo che il giocatore impieghi più tempo per perdere una certa somma di denaro in quanto gli apparecchi gli restituiscono delle vincite molto più spesso.

  1. AUMENTO DEGLI ELEMENTI DI INTRATTENIMENTO E ABILITA’

Non é ammissibile che i giocatori possamo perdere migliaia di euro all’ora nelle sale.

Il progetto del Governo mira ad eliminare la prima linea di difesa dei giocatori nei locali pubblici che dovrebbe servire proprio ad impedire che i giocatori si avvicino a forme di gioco piú pericolose come le sale VLT, il gioco online ed il gioco illegale.

Bisognerebbe ridurre la pericolosità delle Awp nei locali pubblici con l’introduzione di più elementi di abilità e intrattenimento, in modo che il giocatore possa divertirsi ma senza poter perdere oltre quanto perderebbe per giocare ad un normale Flipper. Inoltre anche per le VLT sarebbe urgentissimo ridurre la perdita oraria conseguibile dai giocatori.

  1. DISTANZA TRA UNA SALA E L’ALTRA DI ALMENO 500 METRI

Bisogna vietare l’apertura di una Sala a fianco all’altra, come se fossero luoghi sicuri.

Il Governo invece vuole ridurre le distanze dai luoghi sensibili proprio per permettere alle multinazionali di far sbocciare il maggior numero possibile di giganteschi casinò di lusso.

La presenza ravvicinata di sale indurrebbe a normalizzare nella mente delle persone la presenza di questi luoghi, come se fossero luoghi innocui e sicuri. L’unica sicurezza invece é che all’interno non trovi nemmeno una persona sana che possa dissuaderti dal gioco.

Occorre prevedere una distanza di almeno 500 metri tra una sala ed un’altra, in modo da impedire che si creino sovrapposizioni e dei quartieri interamente dedicati al gioco, sia per proteggere la salute pubblica che il decoro urbano.

Confidiamo nel buon senso delle Regioni nel rifiutare questa proposta del Governo che le legherebbe a doppio filo alle entrate derivanti da questi veri e propri Casinò.

Gli enti locali perderebbero per sempre qualsiasi potere in merito al controllo del territorio e lascerebbero libero spazio alle multinazionali dell’azzardo di inondare il paese di Sale Vlt, con conseguenze disastrose per tutti i settori dell’economia e per le famiglie italiane che ne rimarrebbero vittime.

Accettando il 5% del gettito in cambio di questo accordo criminale, le Regioni inoltre legherebbero per sempre il loro bilancio alle entrate dal gioco, non potendosi mai più permettere, anch’esse, di ridurre le loro entrate derivanti dal gioco essendone il loro bilancio dipendente da esse.

 

PressGiochi