28 Settembre 2020 - 16:18

ADM. Il Comitato di Gestione delibera la trasformazione delle Direzioni Regionali in Uffici dei Monopoli

Prosegue il piano di riorganizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli secondo la tabella di marcia varata nel 2013 dopo l’accorpamento di AAMS e l’approvazione delle norme legate alla spending

06 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il piano di riorganizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli secondo la tabella di marcia varata nel 2013 dopo l’accorpamento di AAMS e l’approvazione delle norme legate alla spending review. Nei giorni scorsi è stata diramata una nota esplicativa con cui, come era stato partecipato alle OO.SS. con specifici passaggi informativi, viene dettato il cronoprogramma attuativo di una serie di delibere approvate dal Comitato di Gestione lo scorso 17 dicembre 2014.

Le misure varate interessano sia l’Area Dogane che l’Area Monopoli dell’Agenzia.

Dal prossimo 1° marzo – ma è probabile ipotizzare un mini slittamento ad aprile – vedranno la luce le seguenti novità.

Per l’Area Monopoli, si attua l’annunciata trasformazione da Direzioni Regionali a Uffici dei Monopoli. In pratica, si rende l’organizzazione territoriale del settore monopoli affine a quella già esistente nel settore dogane. I nuovi Uffici dei Monopoli, tutti con a capo un dirigente di seconda fascia, potranno avere alle loro dipendenze sedi staccate.

Per il settore Dogane, si spera che questo sia l’ultimo importante riassetto organizzativo necessitato dall’applicazione di norme sul risparmio della spesa. Diciamo si spera perché negli ultimi anni il legislatore ed i Governi di turno non hanno mancato di esercitare la propria scure anche su quei settori della PA che avevano mostrato efficienza amministrativa, sia sul fronte dei risultati operativi, sia su quello delle semplificazioni per l’utenza.

Per il settore Monopoli, si tratta, invece, di una decisiva virata rispetto al quadro (dis)organizzativo territoriale preesistente, in linea con gli interventi fortemente richiesti dai sindacati già all’indomani dell’accorpamento.

PressGiochi