28 Ottobre 2020 - 10:18

Regno Unito. A luglio, il rendimento dell’iGaming britannico è calato su tutti i verticali

La Gambling Commission ha riferito che le entrate del gioco d’azzardo online in Gran Bretagna sono diminuite su tutti i verticali a luglio, il primo mese dopo la riapertura dei negozi di scommesse al dettaglio.

21 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Gambling Commission ha riferito che le entrate del gioco d’azzardo online in Gran Bretagna sono diminuite su tutti i verticali a luglio, il primo mese dopo la riapertura dei negozi di scommesse al dettaglio. La Commissione ha pubblicato rapporti mensili per monitorare l’attività di gioco d’azzardo dei clienti durante la pandemia. Sulla base dei dati dei maggiori operatori che rappresentano l’80% del mercato britannico regolamentato, il rendimento lordo del gioco d’azzardo per le scommesse sportive online è sceso del 3,8% a 209,3 milioni di sterline a luglio, dopo aver registrato una forte ripresa a giugno.

I ricavi delle slot online a luglio sono diminuiti del 2,2% da giugno e dell’11,6% da maggio, a 162,9 milioni di sterline. Anche le entrate del poker online sono diminuite, scendendo del 22,7% su base mensile a 9 milioni di sterline. Le scommesse sugli sport virtuali sono diminuite del 16,7% a 8 milioni di sterline e le entrate dagli eSports sono scese del 25,4% a 2,6 milioni di sterline. Il calo delle entrate online è arrivato nel primo mese intero dopo che i negozi di scommesse al dettaglio hanno riaperto dal blocco, il 15 giugno. GGY over-the-counter dei maggiori operatori (85% del mercato) ha raggiunto 62,5 milioni di sterline. I ricavi dei terminali di scommesse self-service hanno raggiunto £23,2 milioni e quelli delle macchine da gioco £81,6 milioni.

L’UKGC ha sottolineato che è difficile fare confronti con il mese o l’anno precedente perché i locali sono stati chiusi per metà giugno. I negozi hanno riaperto per fasi e hanno ancora orari di apertura ridotti e misure di distanziamento sociale. La Commissione ha anche pubblicato i risultati delle indagini condotte dalla società di ricerca di mercato Populus che suggeriscono che il 2,7% dei non giocatori ha iniziato a giocare online in condizioni di blocco, ma che la maggior parte di loro si è fermata una volta che le misure di blocco sono state allentate.

Del 42% della popolazione che si è già identificata come giocatore d’azzardo, solo il 2,0% è passato dal gioco terrestre a quello online. Solo il 13% dei giocatori d’azzardo ha aumentato la propria spesa durante il blocco, mentre il 59% ha speso lo stesso e il 24% ha speso meno per il gioco d’azzardo, secondo il sondaggio.

 

 

 

PressGiochi

 

Regno Unito. A luglio, il rendimento dell’iGaming britannico è calato su tutti i verticali