28 Settembre 2020 - 10:08

Legge europea e tassazione vincite casinò: il Senato approva odg Cociancich

Continua presso la Commissione Politiche dell’Unione europea del Senato l’esame della legge europea; in particolare fa discutere la norme relativa alla tassazione delle vincite conseguite nei casinò esteri. Nella giornata

31 Marzo 2016

Print Friendly, PDF & Email

Continua presso la Commissione Politiche dell’Unione europea del Senato l’esame della legge europea; in particolare fa discutere la norme relativa alla tassazione delle vincite conseguite nei casinò esteri.

Nella giornata di ieri, il Governo ha accolto l’ordine del giorno del relatore Cociancich del PD che prevedeva la possibilità di prevedere un prelievo fiscale sulle vincite ottenute in case da gioco online, autorizzate in Italia e negli Stati membri.

In merito alla decisione del governo di respingere l’odg del senatore Endrizzi, la senatrice Fattori del M5S ha criticato tale scelta che, secondo la deputata ,  “assicurerebbe una completa trasparenza in merito alla tracciabilità delle vincite da gioco attraverso la loro inclusione nella dichiarazione dei redditi annuale. Tale modalità, oltre ad essere maggiormente rispettosa della richiesta europea di equiparazione delle vincite da gioco effettuate sul territorio nazionale rispetto a quelle effettuate sul territorio di altri Stati membri, garantirebbe un contrasto più efficace alle varie forme di illegalità connesse al gioco d’azzardo”.

Ad intervenire vari esponenti, tra cui il senatore del Pd Franco Mirabelli, secondo il quale, sarebbe “molto più efficace combattere l’illegalità attraverso un’adeguata regolamentazione e controllo dei giochi d’azzardo, in un contesto in cui siano affrontate le problematicità connesse alla materia”.

 

“Le vincite da gioco – secondo il senatore Cioffo – dovrebbero essere incluse, come reddito, nella dichiarazione annuale dei singoli contribuenti, al fine di garantire una maggiore trasparenza e far emergere così il complesso dei redditi degli stessi”. Mentre per il senatore Morra del M5S devono essere ridotte le ambiguità  giuridiche che permettono la proliferazione del gioco d’azzardo e  promossa la piena trasparenza del settore per contrastare efficacemente la criminalità organizzata.

 

“La tassazione delle vincite da gioco in Italia – ha dichiarato Folris di FI – non significa favorire il gioco all’estero. Però il Governo deve affrontare la materia dei giochi d’azzardo con maggiore coraggio”.

“Sarebbe auspicabile – ha concluso il relatore Cociancich del Pd –  la previsione di un trattamento fiscale omogeneo per le vincite ottenute in case da gioco online, autorizzate sia in Italia che negli Stati membri”.

PressGiochi