16 Luglio 2024 - 21:49

Avv. Giacobbe: “Le conclusioni dell’AG della CGUE confermano l’incompatibilità normativa della proroga tecnica del bingo alle norme Ue”

“La prudenza non è mai troppa e ora attendiamo con ottimismo la decisione della Corte. Dalla lettura delle conclusioni dell’avvocatura è di immediata evidenza che le nostre deduzioni sono state

04 Luglio 2024

Print Friendly, PDF & Email

“La prudenza non è mai troppa e ora attendiamo con ottimismo la decisione della Corte. Dalla lettura delle conclusioni dell’avvocatura è di immediata evidenza che le nostre deduzioni sono state particolarmente apprezzate riguardo l’incompatibilità dell’attuale impianto normativo della proroga tecnica del bingo ai principi del trattato UE. Due punti della memoria sono particolarmente rilevanti: in primis l’avvocatura censura il fatto che il canone mensile non fosse contemplato nell’aggiudicazione iniziale e questo ha comportato una modifica sostanziale dei parametri economici di base delle concessioni. Questa considerazione potrebbe essere valida e potrebbe avere un impatto significativo anche su altre concessioni giochi ora in proroga. Il secondo elemento ben valorizzato dall’Avvocatura riguarda il fatto che l’attuale normativa non consente ad ADM di variare il canone mensile anche nel caso di fatti sopravvenuti (vedi Covid) non imputabili ai concessionari.”

 

Questo il commento rilasciato a PressGiochi dell’avvocato Luca Giacobbe che difende insieme all’avv. Matilde Tariciotti  l’Associazione Ascob e 36 concessionari di bingo, in merito alle conclusioni emesse questa mattina dall’Avvocato Generale Laila Medina in merito ai ricorsi relativi alla proroga tecnica delle concessioni del Bingo.

 

PressGiochi

 

×