05 Agosto 2020 - 21:11

Polonia: nel 2019 cresce il mercato del gambling, ma nell’illegale se ne vanno 1,1 mld di tasse

Nel corso del 2019, il mercato delle scommesse regolamentato in Polonia ha generato un fatturato di 6,7 miliardi di PLN secondo i dati dell’associazione legale Graj Legalnie. La cifra segna

14 Gennaio 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nel corso del 2019, il mercato delle scommesse regolamentato in Polonia ha generato un fatturato di 6,7 miliardi di PLN secondo i dati dell’associazione legale Graj Legalnie.

La cifra segna un aumento del 28,8% su base annua del fatturato combinato, tuttavia gli specialisti legali hanno sottolineato che questa cifra rimane significativamente inferiore al fatturato generato dal mercato grigio in Polonia.

Graj Legalnie ha riscontrato che il mercato grigio rappresenta ora il 60% del mercato polacco dopo un periodo di maggiore attività da parte di operatori non regolamentati. L’associazione ha osservato che, se tutto questo fatturato fosse stato tassato, il governo polacco avrebbe versato un importo aggiuntivo di 1,1 miliardi di PLN.

Nel settore regolamentato, STS rappresenta il 45,5% del mercato, mentre Fortuna detiene una quota di mercato del 31,3%. ForBet è il terzo operatore con una quota di mercato del 6,1%. Per tutto il 2019, il settore regolamentato ha contribuito con 800 milioni di PLN in tasse sul gioco d’azzardo.

Nel novembre 2019, Graj Legalnie ha scoperto che tre operatori senza licenza avevano generato 2,1 milioni di visite in Polonia, nonostante i loro siti fossero stati bloccati dal Ministero delle finanze polacco.

L’associazione ha anche rivelato di aver segnalato a questo registro 1830 siti Web di giochi d’azzardo illegali, di cui 1303 non ancora inclusi.

Graj Legalnie ha anche aggiunto che “seguendo le orme di altri paesi europei, in Polonia dovrebbe essere istituito un ufficio dedicato che sarebbe responsabile della regolamentazione del mercato”.

All’ufficio verrà affidato un “elenco di compiti definito con precisione” che sarà in gran parte modellato sul lavoro della UKGC o della Malta Gaming Authority. L’ufficio “consentirà un controllo più efficace del settore. Sarà anche più efficace nel contrastare il mercato grigio ricorrente. “

PressGiochi