25 Settembre 2020 - 04:54

Pavia. ADM chiede soldi per i dati sulle slot, il Vic. Gregorini: “Un atteggiamento non collaborativo che ci ha lasciato di stucco”

“Alcuni mesi fa ci eravamo rivolti all’Agenzia delle Dogane e Monopoli per avere alcuni dati sulle slot con lo scopo di dare la giusta concretezza alle nostre azioni, ma ci

28 Novembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Alcuni mesi fa ci eravamo rivolti all’Agenzia delle Dogane e Monopoli per avere alcuni dati sulle slot con lo scopo di dare la giusta concretezza alle nostre azioni, ma ci hanno chiesto dei soldi, una risposta che ci ha lasciato di stucco”.

I questo modo, il vicesindaco di Pavia Angela Gregorini commenta a PressGiochi la propria delusione a questa richiesta dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli che, secondo il suo parere, “denoterebbe un atteggiamento non collaborativo, coscientemente non collaborativo”.

Il comune di Pavia infatti, insieme alle città del “fronte unito dei sindaci lombardi” capeggiato dall’assessore regionale Beccalossi, con l’aggiunta di altri come Venezia e Napoli ha richiesto i dati tramite l’appoggio della stessa regione Lombardia e l’Anci.

“Poi- continua la Gregorini- ci è arrivata una lettera del Codacons indirizzata ad alcuni comuni ed in particolare ai i Monopoli dove, in sostanza, si intimava loro di consegnare i dati sulle slot agli enti che ne avevano fatto richiesta e infine, qualche giorno fa la lettera dell’Agenzia che ci chiedeva questi soldi per accedere ai dati raccolti dalla Sogei.  Per noi è stata una grandissima delusione in quanto ci sembrava finalmente di andare verso la direzione giusta, ma questo è certamente un atteggiamento non collaborativo che non lascia intendere niente di buono. E’ noto che i comuni hanno gravi problemi di cassa e non possono permettersi ulteriori spese, non è stato nemmeno specificato l’importo richiesto, ma in ogni caso con queste azioni si denota la mancanza di volontà di arrivare ad una collaborazione”.

Una “Collaborazione” tra Stato (o agenzie statali) ed enti locali che ovviamente è fondamentale alla luce della Conferenza Unificata.

“Sulla Conferenza siamo stupiti per la lentezza delle operazioni e i continui rimandi- conclude il vicesindaco- atteggiamenti come questa richiesta di soldi non lasciano presupporre nulla di buono. Noi come enti locali continueremo ad essere estremamente presenti e  insieme alla Regione lombardia certamente continueremo a muoverci”.

PressGiochi