28 Ottobre 2020 - 08:47

Paesi Bassi. Holland Casinò registra una perdita di 28,3 milioni di euro a causa della pandemia

Il fatturato di Holland Casino per la prima metà dell’anno è sceso del 58,7% a 146,3 milioni di euro, dopo che le sue 14 sedi sono state chiuse per quasi cinque mesi a causa della pandemia. Prima della chiusura, l’operatore statale olandese ha affermato che l’attività stava andando bene, con un fatturato in aumento del 7% nel periodo fino al 12 marzo.

31 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il fatturato di Holland Casino per la prima metà dell’anno è sceso del 58,7% a 146,3 milioni di euro, dopo che le sue 14 sedi sono state chiuse per quasi cinque mesi a causa della pandemia. Prima della chiusura, l’operatore statale olandese ha affermato che l’attività stava andando bene, con un fatturato in aumento del 7% nel periodo fino al 12 marzo. Sia il numero di visite che la spesa media per visita erano aumentati, rispettivamente del 3,9% e del 3,1%.

Tuttavia, questi guadagni sono stati annullati dalla chiusura, che si è protratta dal 13 marzo al 1° luglio. Le sedi operano attualmente in linea con una serie di norme di sicurezza aggiuntive, tra cui un requisito di distanza sociale di un metro e mezzo e il numero di ospiti consentito fissato al 30% della capacità. La perdita netta dopo l’imposta sul reddito delle società (VPB) è stata di 28,3 milioni di euro, rispetto a un utile di 32,5 milioni di euro nel 2019.

Erwin van Lambaart, amministratore delegato di Holland Casino, ha dichiarato: “Il Coronavirus ha colpito duramente la nostra azienda. Da un giorno all’altro abbiamo dovuto chiudere i battenti ei nostri quasi 4.000 dipendenti si sono trovati improvvisamente a casa. Di conseguenza, non potevamo più svolgere la nostra importante funzione sociale. Nessuna offerta di casinò legale era disponibile nei Paesi Bassi per quasi quattro mesi. A causa della chiusura, il nostro fatturato, di circa 60 milioni di euro al mese, è andato completamente perso”.

Il direttore finanziario della società, Ruud Bergervoet, ha dichiarato che l’attività ha avuto liquidità sufficiente negli ultimi sei mesi per superare il periodo di chiusura. Ha fatto riferimento al programma di licenza “NOW” del Governo, che è stato utilizzato per continuare a pagare una parte degli stipendi dei dipendenti della società. Ha anche affermato che gli azionisti hanno concordato all’inizio della crisi di rinunciare a qualsiasi dividendo per il 2019, dando all’azienda i mezzi per sopravvivere.

Guardando al futuro, il CEO van Lambaart ha dichiarato: “Sfortunatamente, le prospettive per il resto di quest’anno non sono esattamente rosee e per il prossimo anno sono estremamente incerte. Anche le nostre cifre per la seconda metà dell’anno non saranno buone a causa di tutte le misure restrittive necessarie. Stiamo quindi esaminando come azienda di rimanere finanziariamente sani e a prova di futuro in questo periodo difficile. Ci aspettiamo di essere in grado di fare ulteriori annunci concreti in merito entro dicembre”.

 

 

PressGiochi