22 Settembre 2020 - 16:49

Lega Ippica: “Il progetto di riforma delle scommesse ippiche procederà insieme a quello del settore”

Grande soddisfazione nel mondo ippico per l’incontro dello scorso 20 luglio tra i più importanti concessionari della rete di raccolta delle scommesse ippiche, per definire una linea d’azione comune, in

26 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Grande soddisfazione nel mondo ippico per l’incontro dello scorso 20 luglio tra i più importanti concessionari della rete di raccolta delle scommesse ippiche, per definire una linea d’azione comune, in previsione delle auspicate e necessarie modifiche dei prodotti di scommesse ippici.

I concessionari Sisal Match Point, IGT-Better, Snai-Cogetech, Eurobet, BetFlag, Intralot-Gamenet e Isibet hanno innanzitutto condiviso un giudizio positivo sulla recente apparizione all’interno del ddl per la “competitività nel settore agricolo” (il cd Collegato Agricolo) di quanto previsto nell’art. 15, in relazione all’avvio delle procedure attuative per la riforma del sistema ippico, sulla base di quanto già previsto dall’art. 14 della ex Delega fiscale e attualmente ripreso nel ddl “Mirabelli”, attualmente in corso di discussione al Senato.

Una riforma improntata alla necessaria capacità imprenditoriale degli operatori non può che trovare favorevoli i concessionari della raccolta di gioco, che da tempo chiedono non solo una riforma della scommessa ippica con strutture più concorrenziali all’interno del mercato del gioco, ma anche il restyling dell’intero contesto entro cui viene presentato il prodotto ippico offerto poi alla rete di raccolta di gioco.

In questo senso, i concessionari confermano il loro impegno per contribuire a individuare i punti di possibili revisioni del prodotto ippico da sottoporre all’attenzione del regolatore. Tra questi in particolare si segnalano:

 

  1. Quota fissa
  • Tassazione calcolata sul margine(Raccolta – Vincite) con un meccanismo di tassazione a scaglioni che abbia come valore massimo il 35% distinto tra canale fisico (più basso) ed online (più alto).

Tale contributo va ripartito tra Filiera Ippica (2/3) ed Erario (1/3)

  •   Palinsesto complementare definizione:
  • eventi aggiuntivi (corse)
  • tipologie di scommessa aggiuntive (su proposte dai concessionari comunicate secondo modalità da definire ad ADM e Mipaaf) aventi ad oggetto sia corse del palinsesto ordinario sia del palinsesto complementare
  •   Palinsesto ordinario gestito secondo le attuali modalità
  •  Libera contrattazione da parte dei concessionari dei diritti di trasmissione delle immagini e con divieto di esclusiva ed obbligo di comunicazione a Mipaaf
  • Obbligo del concessionario a trasmettere le corse oggetto di scommessa del palinsesto complementare
  •  Ridefinizione del regolamento di alcune scommesse, al fine di commercializzarle anche attraverso il palinsesto complementare (orari di apertura del gioco, arrivi in parità, adeguamento quota fissa a seguito di un ritiro, rapporti di scuderia).

 

  1. Totalizzatore
  •  Rapida eliminazione del doppio totalizzatore
  •  Riduzione della posta unitaria di gioco per il quartè ed il quinté a 5 centesimi con inserimento di diverse categorie di vincite, di scommesse e con l’inserimento del jackpot da distribuire progressivamente
  •  Ridefinizione dei payout delle diverse formule di scommessa in funzione di mantenere nei limiti più vantaggiosi per lo scommettitore stabiliti dalle normative il ritorno complessivo in vincite.

 

Nel loro comunicato di ieri i concessionari si augurano che i decreti attuativi del Collegato Agricolo, ormai prossimi, pongano effettivamente in essere le basi per un rilancio dell’ippica italiana.

 

Lega Ippica Italiana continuerà a sostenere questo progetto e questa unione di intenti per realizzare uno degli interventi più indispensabili per il futuro rilancio del settore.

PressGiochi