22 Settembre 2020 - 19:22

La crescita online non riesce a compensare il calo delle vendite al dettaglio di GVC nel primo semestre

GVC Holdings ha registrato un calo delle entrate dell’11,2% su base annua per la prima metà del 2020, dopo che la crescita online non è riuscita a compensare il calo nel commercio al dettaglio nel Regno Unito e in Europa a causa del blocco del Coronavirus.

13 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

GVC Holdings ha registrato un calo delle entrate dell’11,2% su base annua per la prima metà del 2020, dopo che la crescita online non è riuscita a compensare il calo nel commercio al dettaglio nel Regno Unito e in Europa a causa del blocco del Coronavirus. I ricavi netti da gioco per i sei mesi fino al 30 giugno sono stati pari a 1,62 miliardi di sterline (2,12 miliardi di dollari), in calo del 10,7% rispetto all’anno precedente, riducendosi a un fatturato di 1,58 miliardi di sterline dopo che sono stati preso in considerazione.

La stragrande maggioranza dei ricavi del primo semestre proviene dal business online di GVC, che rappresenta 1,21 miliardi di sterline del totale, un miglioramento del 19,0% rispetto all’anno precedente e un aumento del 21,0% su base valutaria costante. Questo è sceso a £752,6 milioni in igaming NGR, in crescita del 31,0%, aiutato dalle ottime prestazioni dei prodotti di bingo e poker del gruppo. Nel Regno Unito, con le sale bingo chiuse a causa del COVID-19, i giocatori hanno scelto l’online, con GVC che stima che il 40% dei giocatori di Gala Bingo nel periodo sia migrato dalla vendita al dettaglio. PartyPoker, nel frattempo, ha visto le entrate crescere di circa il 60%. Guardando al gioco nel suo insieme, il Regno Unito ha ottenuto risultati particolarmente positivi, con l’NGR in aumento del 43% in più rispetto all’anno precedente e in Germania l’NGR in rialzo del 18% grazie a una forte performance del verticale. L’NGR delle scommesse sportive online è cresciuto del 4,8% a 484,5 milioni di sterline, con un forte margine del 12,8%, compensando un calo del 15,3% delle puntate a 4,70 miliardi di sterline.

Nel Regno Unito, GVC ha affermato che una gestione mirata delle relazioni con i clienti e dei bonus dei clienti hanno contribuito a limitare il calo delle scommesse NGR al 3%. In Australia le corse di cavalli son continuate durante la pandemia e hanno portato ad una riattivazione di successo dei clienti da aprile, con una crescita dell’ NRG del 43% su base valutaria costante.

Lo sport italiano ha chiuso il semestre con un rialzo dell’11% a valuta costante e il Brasile superato la sospensione del Campeonato Brazileiro Serie A registrando un aumento costante del 33% dei ricavi. L’operatore ha anche registrato 8,0 milioni di sterline di entrate online B2B, in calo del 7,0%.

Passando alla vendita al dettaglio, l’impatto del COVID-19 è stato molto più forte . Per le attività di vendita al dettaglio di GVC nel Regno Unito, i ricavi sono diminuiti del 52,6% a 277,9 milioni di sterline, dopo che le sedi terrestri sono state chiuse da metà marzo al 15 giugno. I clienti hanno puntato 724,8 milioni di sterline, in calo del 54,5% rispetto alle quote del primo semestre 2019 di 1,59 miliardi di sterline, anche se il margine di vincita lordo è aumentato di 2,5 punti percentuali al 20,0%, con un risultato di NGR sportivo al dettaglio di 144,4 milioni di sterline. GVC ha osservato che la vendita al dettaglio nel Regno Unito aveva ottenuto buoni risultati prima della cancellazione dei principali sport dal 15 marzo e della chiusura dei negozi. I ricavi delle macchine sono diminuiti del 57,2% a 133,5 milioni di sterline, dopo aver registrato il 28% al di sotto dei livelli del 2019 prima del 15 marzo, che l’operatore ha attribuito al limite imposto delle puntate delle macchine da gioco B2 a 2 sterline.

La vendita al dettaglio europea, che comprende negozi in Belgio, Irlanda e Italia, ha registrato un calo dei ricavi del 47,6% a 75,5 milioni di sterline. Per le scommesse sportive, gli importi scommessi sono diminuiti del 54,4% a £379,8 milioni e le entrate sono diminuite del 44,8% a £59,1 milioni. Durante il periodo, tutti i negozi europei di GVC sono stati chiusi per un certo periodo e gli altri ricavi sono scesi a 15,5 milioni di sterline, con il contributo delle macchine ridotto a 0,98 milioni di sterline. GVC ha registrato ulteriori 20,1 milioni di sterline di entrate (in calo del 44,0%) dai suoi marchi più piccoli, come la borsa scommesse Betdaq, l’operazione di scommesse telefoniche Telebet e l’attività finanziaria Intertrader.

“Dato l’ambiente di trading senza precedenti, GVC ha fornito una performance incoraggiante nel primo semestre, sottolineando la forza del nostro modello di business diversificato e l’esperienza, l’adattabilità e la dedizione delle nostre persone” ha commentato il nuovo amministratore delegato di GVC Shay Segev.

Il costo del venduto per il primo semestre è sceso del 7,9% a £550,8 milioni, lasciando un utile lordo per il periodo di £1,03 miliardi, in calo del 12,9%. Dopo i costi di marketing di 249,5 milioni di sterline, il contributo di GVC si è attestato a 782,2 milioni di sterline, in calo del 15,4%. Una volta presi in considerazione ulteriori 423,2 milioni di sterline di costi operativi, gli utili prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento per il primo semestre sono diminuiti del 4,7% a 359 milioni di sterline. Presi in considerazione i costi amministrativi totali di £824,5 milioni l’utile operativo del semestre è stato pari a £207,2 milioni.

Sebbene ciò segna un miglioramento significativo rispetto alla cifra di 37 milioni di sterline del 2019, l’anno precedente includeva 224,4 milioni di sterline. GVC ha anche registrato una perdita di 8,6 milioni di sterline dalla sua quota di joint venture, ovvero la joint venture Roar Digital con MGM Resorts, il suo utile operativo del primo semestre è stato pari a 198,6 milioni di sterline. Dopo i costi finanziari di 42,7 milioni di sterline di spese finanziarie e una perdita di cambio di 126 milioni di sterline, l’utile ante imposte è stato di 24,8 milioni di sterline.

 

 

PressGiochi